Fiducia ai minimi tra le famiglie trentine

Prima indagine sul clima di fiducia della Camera di commercio, più basso della media del NordEst. Forte preoccupazione per la situazione economica generale e per il futuro incerto, specie tra chi lavora in proprio.

0
502
fiducia ai minimi

La fiducia ai minimi tra le famiglie trentine nel mese di novembre a causa del contesto economico di crisi determinato dalla seconda ondata dell’emergenza sanitaria di Covid-19. Il valore dell’indice del clima di fiducia in Trentino si è attestato a -20,1%, in linea con quello nazionale (-20,4%), ma inferiore di 3 punti a quello del NordEst (-17,3) e di 1,3 punti a quanto registrato nell’Ue (-18,8%). 

Tra i risultati emersi dall’indagine, realizzata dall’Ufficio studi e ricerche della Camera di commercio di Trento nel mese di novembre, si distingue un’alta percentuale di pareri negativi (52%) sulla situazione economica generale della provincia di Trento nei prossimi 12 mesi, mentre il giudizio a un anno sulla situazione economica della propria famiglia appare complessivamente meno negativo, con poco più di un quarto (28,7%) degli intervistati che prevede un peggioramento, da lieve a significativo.

Il riscontro di un alto numero di valutazioni negative rispetto al contesto economico generale o familiare si traduce in una diminuzione sensibile delle previsioni di acquisto di beni durevoli (elettrodomestici, prodotti elettronici e mobili) pari al 27,3%, mentre per un ulteriore 17,6% la contrazione della spesa sarà più contenuta. 

Si tratta di un atteggiamento che rientra in una più ampia propensione al risparmio per ragioni precauzionali, considerata opportuna dal 52,8% dei consumatori intervistati, anche se solo il 23,7% di loro afferma di poter effettivamente generare risparmio nei prossimi 12 mesi.

Generano preoccupazione anche i giudizi espressi in merito alla disoccupazione, tanto che oltre il 50% ritiene che un altr’anno crescerà il numero delle persone senza lavoro, e quelli sulla situazione finanziaria familiare, che per il 55% degli intervistati è appena sufficiente a coprire le spese correnti.

«Ci sono due indicazioni che emergono dall’indagine e che mi hanno colpito in modo diretto – sottolinea il presidente della Camera di Trento e di Confcommercio Imprese Trentino, Gianni Bort -. La prima è il forte divario esistente tra coloro che giudicano stazionaria, o addirittura migliorata, la condizione economica della loro famiglia (78%) e quelli che la vedono peggiorata (22%), un distacco che, se non riequilibrato con interventi statali adeguati e urgenti, rischia di inasprirsi e di costituire un elemento di disuguaglianza grave per un Paese democratico. La seconda è la bassa propensione ai consumi per i prossimi mesi, che mi sollecita un richiamo al senso di responsabilità rivolto alle famiglie che sono state meno colpite dalla crisi, perché sostengano l’economia con l’acquisto di beni e servizi, possibilmente trentini”.

La differenza della condizione economica tra i due gruppi sociali e la conseguente fiducia ai minimi è legata soprattutto al fatto che in Trentino gran parte della popolazione è legata ai servizi pubblici, mentre una minoranza è legato al rischio d’impresa o alla professione, con quest’ultimi pesantemente trascurati dagli indennizzi da Covid-19, tanto che molte imprese ed attività rischiano di chiudere nelle prossime settimane, ampliando ulteriormente la già pesante crisi economica.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata