Prosecco Rosé Brut Le Manzane: una piacevole idea per un brindisi romantico a San Valentino

Il nuovo spumante della cantina di San Pietro di Feletto conquista il pubblico femminile per la sua freschezza vellutata e la piacevole beva.

0
3601
prosecco rosé brut le manzane

Si avvicina a grandi passi San Valentino e la festa di tutti gli innamorati può essere validamente celebrata con un brindisi con il nuovo Prosecco Rosé Brut Le Manzane, ultimo nato della cantina di San Pietro di Feletto nel cuore delle Colline del Prosecco Superiore, proclamate il 7 luglio 2019 Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO, che vira “in rosa” il suo tradizionale Prosecco per cui è nota da 40 anni in qua.

Il Prosecco Rosé Brut Le Manzane si ricava da vigneti allevati su terreni insiti sulle colline moreniche delle Prealpi Trevigiane tra Conegliano e Valdobbiadene, ad un’altitudine compresa tra i 200 e i 300 metri, di medio impasto tendenti all’argilloso.

Le uve di Glera (88%) e di Pinot Nero (12%) vengono raccolte e vinificate previa una pressatura soffice, cui segue una breve macerazione a contatto con le bucce dell’uva a bacca nera che conferisce al vino un colore delicato rosa. Segue la decantazione statica a freddo del mosto a 13°C con successivo avvio alla fermentazione alcolica a temperatura controllata di 18°C. Il vino viene poi travasato e affinato in acciaio per 2 mesi, cui segue la presa di spuma in autoclave per 30 giorni a temperatura di circa 14-15°C, con successivo affinamento di altri 30 giorni sempre in autoclave. Al termine della presa di spuma, il Prosecco Rosé Brut Le Manzane viene filtrato ed imbottigliato, con un affinamento finale in bottiglia per 30 giorni prima dell’avvio alla commercializzazione.

Il nuovo spumante della cantina condotta da Ernesto Balbinot e Silvana Ceschin nella prima annata è stato “tirato” in 60.000 bottiglie. Si tratta di un vino Prosecco dal colore rosa scarico, contraddistinto nel bicchiere dal fine e persistente perlage, capace di offrire al naso un piacevole aroma di frutti di bosco appena colti, decisamente intrigante. All’assaggio, sfoggia una morbida acidità, fresca con un leggero retrogusto amarognolo piacevolmente persistente per la sua cremosità. Grazie ad un buon residuo di zuccheri e a un basso tasso alcolico (11,5%) il Prosecco Rosé Brut Le Manzane è un ottimo compagno dei momenti romantici e piacevoli.

Sulla tavola, si dimostra un compagno a tutto tondo: dagli aperitivi ai piatti leggeri a base di riso, pasta in bianco, carni bianche e pesce, crudo e cotto.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata