Il sistema dei poli tecnologici di Trentino Sviluppo nel BIC Book 2020

140 aziende insediate, 841 addetti occupati e 31 nuovi ingressi nei 6 hub attivi in Provincia.

0
413
poli tecnologici

I poli tecnologici gestiti da Trentino Sviluppo nell’ambito della rete europeaeubic” si raccontano in una pratica pubblicazione interattiva, il “BIC Book” liberamente consultabile sul web che fotografa un ecosistema dell’innovazione che conta 140 imprese insediate nei 6 hub di Rovereto, Trento, Mezzolombardo, Borgo e Pergine Valsugana, per un totale di 841 lavoratori occupati.

In crescita anche i dati relativi ai nuovi arrivi del 2020: le startup, PMI e gruppi industriali che hanno scelto di aprire una nuova sede nei BIC trentini – durante e nonostante la pandemia – sono 31. 

«Il 2020 è stato un anno complesso – osserva Achille Spinelli, assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro della provincia di Trento – durante il quale la “reputazione” del sistema Trentino come territorio di innovazione, ricerca, attento all’impresa e con elevati standard di qualità della vita, non solo ha retto all’urto degli eventi ma addirittura si è consolidata. Ecco allora che sfogliare questa pubblicazione è come immergersi in un viaggio tra tante realtà molto diverse, tuttavia accomunate dal piacere di vivere e lavorare in un contesto condiviso e stimolante».

Delle 39 aziende che nel corso del 2020 hanno scelto di localizzarsi in Trentino, 31 hanno scelto quale propria sede uno degli “incubatori d’impresa” gestiti da Trentino Sviluppo, ed in particolare i due poli tecnologici tematici di Rovereto, ovvero Polo Meccatronica e Progetto Manifattura, ma anche i Business Innovation Centre disseminati sul territorio – Trento, Mezzolombardo, Borgo e Pergine Valsugana – a partire dalla seconda metà degli anni novanta, tutti certificati ed appartenenti alla rete europea “eubic”.

«Si tratta – spiega Sergio Anzelini, presidente di Trentino Sviluppo – di particolari ecosistemi in cui le aziende sono stimolate a creare sinergie tra loro, sono accompagnate nel percorso di crescita e consolidamento e hanno accesso a nuove competenze e strumenti per affrontare le sfide del mercato».

Nel tempo, i BIC sono diventati un punto di riferimento importante per accelerare l’innovazione di tutte le imprese del territorio, in un’ottica aperta, collaborativa e sostenibile. Sempre più stretto si è fatto anche il legame con le scuole tecniche, con l’Università di Trento e con i centri di ricerca di matrice pubblica, assieme ai quali sono stati progettati i laboratori tecnologici all’avanguardia dei poli di Rovereto, ProM Facility per la filiera meccatronica e Tess-Lab per il settore greentech.

Dei 31 nuovi ingressi dell’ultimo anno, 5 sono i gruppi industriali, 11 le piccole medie imprese (PMI), 10 le startup e 5 le società di consulenza insediate con la formula “TS Host” a supporto delle realtà insediate; per il 70% le nuove insediate provengono da fuori Trentino, con Lombardia (19%), Veneto (15%) e Piemonte (15%) in vetta alla classifica delle province di provenienza. Per quanto riguarda i settori economici economia circolare, edilizia sostenibile, biotecnologie e automotive sono quello più rappresentati.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata