Consumi petroliferi italiani in crescita nei primi sette mesi 2021

La ripresa della manifattura, del turismo e dei servizi spinge, secondo l’Unem, sui consumi di carburante e di gas. 

0
500
consumi petroliferi carburanti pompa gasolio diesel

Secondo le rilevazioni condotte dall’Unem (Unione energie per la mobilità, ex Unione Petrolifera) i consumi petroliferi a luglio 2021 sono stati pari a 5,2 milioni di tonnellate, in progresso del 7,9% (+381.000 tonnellate) rispetto a luglio 2020, con un recupero inferiore alle attese. Rispetto a luglio 2019 (quando i consumi superavano i 5,6 milioni di tonnellate), i volumi risultano essere ancora inferiori del 7,5% (-422.000 tonnellate in meno), prevalentemente a causa del protrarsi della crisi dei consumi dei carburanti aerei.

Il mese di luglio, con il successo della campagna vaccinale e l’estensione della “zona bianca” a tutto il territorio nazionale e quindi l’allentamento anche delle ultime restrizioni agli spostamenti ed alle attività, ha registrato una ripresa dei consumi di carburante per autotrazione, specialmente della benzina, con un incremento dei viaggi turistici sul territorio nazionale con una preferenza per le vacanze di prossimità.

I consumi di carburanti autotrazione (benzina + gasolio), con un giorno lavorativo in meno, sono stati pari a 2,9 milioni di tonnellate, di cui 0,7 milioni di benzina e 2,2 milioni di gasolio, con un incremento del 7,8% (+212.000 tonnellate) rispetto allo stesso mese del 2020, e superiori dello 0,8% anche rispetto a luglio 2019.

Fra gli andamenti dei prodotti, la benzina totale ha mostrato una crescita del 9,9% (+65.000 tonnellate) rispetto a luglio 2020, superando del 3% anche il livello del 2019; andamento analogo della benzina venduta sulla rete (+9,8%); il gasolio per autotrazione ha evidenziato un incremento del 7,2%(+147.000 tonnellate) ritornando ai valori del Luglio 2019, con una crescita rispetto al 2020 del gasolio venduto sulla rete del 4,7% e un miglior andamento del gasolio extra-rete (+12,4%) utilizzato dalle flotte di autotrasporto.

Il carburante per aerei, nonostante abbia fatto segnare un incremento di circa il 67%, dato che risente del confronto con la situazione di blocco quasi totale dell’aviazione civile nel luglio 2020, presenta volumi ancora inferiori del 51% verso luglio 2019, essendo tuttora molto forti gli effetti della crisi pandemica su questo prodotto.

Si segnalano aumenti per tutti gli altri usi del gasolio e per i bunkeraggi (carburanti per le navi), mentre mostra un rallentamento, dopo continui e ripetuti aumenti, il consumo di bitume e segna un forte calo il consumo di lubrificanti, a riprova di un comparto industriale produttivo che a luglio ha mostrato una lieve frenata.

Per il mese di agosto 2021, stando ai dati del “modello dinamicosviluppato dall’Unem e in base alle informazioni al momento disponibili, si stima che i volumi di consumi petroliferi complessivamente possano recuperare circa 400.000 tonnellate delle 600.000 perse ad agosto dello scorso anno. Per agosto è attesa una più consistente ripresa dei movimenti e dei servizi legati al turismo che saranno ancora sostenuti soprattutto dagli italiani ma con il ritorno anche di una quota crescente di turisti provenienti dai paesi europei.

Allargando lo sguardo ai primi sette mesi del 2021, l’Unem valuta che i consumi petroliferi italiani sono ammontati a 30,6 milioni di tonnellate, con un incremento del 9,5% (+2.655.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2020, tuttavia ancora inferiori del 11,9% rispetto al 2019.

Anche se con un lieve rallentamento a luglio, il miglioramento osservato nelle attività manifatturiere e delle costruzioni, in particolare nella manutenzione stradale, ha determinato segnali molto positivi per alcuni prodotti (bitumi +29,4%; carica petrolchimica +25,3%, lubrificanti industria+20,9%), che evidenziano la rilevanza dei prodotti petroliferi non solo nei trasporti stradali.

I carburanti hanno ripreso quota rispetto al 2020 (+18,9%), ma restano ancora inferiori dell’8,7% rispetto al 2019 (circa 1,6 milioni di tonnellate ancora non recuperate). Si conferma ancora in grande difficoltà il carboturbo, i cui volumi restano più bassi del 13,3% rispetto a quelli dei primi sette mesi 2020 e di quasi il 67% rispetto allo stesso periodo 2019.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata