Agroalimentare italiano Dop e Igp: nella Finanziaria 2022 nessun sostegno

Baldrighi (Origin Italia): «serve un progetto di politica nazionale per una filiera che vale 17 miliardi di euro». 

0
835
agroalimentare
Nicola Cesare Baldrighi, presidente di Origin Italia e del Consorzio Grana padano.

Il settore automotive non è l’unico comparto economico italiano di rilievo ad essere completamente trascuratodalla Finanziaria 2022: c’è anche quello relativo all’agroalimentare Dop e Igp, che la legge di Bilancio manca di riconoscere il ruolo in termini di risorse e attenzione.

«Al sistema delle DOP e IGP che conta 200.000 operatori con un fatturato di 17 miliardi di euro, serve un progettodi politica nazionale per sostenere il “progetto ripartenza” del cibo italiano di qualità – attacca il presidente di Origin Italia, Cesare Baldrighi -. Le indicazioni che emergono dalle recenti scelte politiche in materia agricola non sembrano andare in questa direzione ed aprono grandi preoccupazioni per il futuro della qualità italiana».

Nella Finanziaria 2022 mancano sia il riconoscimento del ruolo e sia le risorse economiche di sostegno ad un sistema che è capofila dell’export agroalimentare italiano di qualità con circa 10 miliardi di euro, pari al 20%dell’export agroalimentare che vale, nel complesso, 50 miliardi di euro. Stessa mancanza di attenzione nelle bozze del Piano Strategico Nazionale dove compare solo un intervento per la promozione dei prodotti di qualità. La stessa cosa si evidenzia nella mancanza di un coinvolgimento nel PNRR e nelle misure di accompagnamento.

Il settore dei prodotti DOP e IGP, che è stato il pilastro che negli ultimi 20 anni ha traino per tutto l’agroalimentareitaliano, oggi ha davanti sfide enormi da affrontare per stare al passo dei competitor stranieri. Con la pandemia in tutte le aree del mondo si sono ancora di più acuiti i problemi delle contraffazioni e delle barriere che sicuramento hanno bisogno di un sostegno concreto per poter essere affrontati dal sistema produttivo del nostro Paese.

«Apprezziamo l’ordine del giorno presentato che impegna il Governo a porre in essere un apposto provvedimento normativo volto ad incrementare le risorse per afforzare la promozione, la valorizzazione e l’informazione dei prodotti agroalimentari italiani Dop e Igp e il potenziamento dei consorzi di tutela – prosegue Baldrighi –. Confidiamo inoltre che anche altri parlamentari di tutte le forze politiche condividano e sostengano questo bisogno per realizzare insieme al Governo un vero “progetto ripartenza”; alle organizzazioni della filiera agroalimentare chiediamo di non sottovalutare queste criticità: dal sistema dell’etichettatura Nutriscore, al tema della tutela delle IG (per esempio i casi “Prosek” e aceto sloveno). Tutti campanelli di allarme che ci devono vedere quanto mai uniti, pena la deflagrazione, in un effetto domino assai pericoloso, per tutto l’agroalimentare italiano».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”,

iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata