Eurostat, in Italia cresce la povertà. Ma Di Maio non l’aveva abolita?

Nel 2021 sale al 20,1% contro il 20% del 2021 e al 25,2% se si considera anche l’esclusione sociale. Povertà più alta tra i lavoratori autonomi. Allarme di Assoutenti. 

0
672
Povertà assoluta salario minimo rischio povertà caro tariffe povertà

Il tasso di rischio di povertà, ovvero la percentuale delle persone che hanno un reddito inferiore al 60% di quello medio disponibile, in Italia è salito passando dal 20% del 2020 al 20,1% del 2021, pari a 11,84 milioni di persone coinvolte. Secondo l’Eurostat, la percentuale sale al 25,2% (14,83 milioni) se si considerano anche le persone a rischio di esclusione sociale, ovvero quelle che sono a rischio di povertà o non possono permettersi una serie di beni materiali o attività sociali o vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa.

Aumentano anche i cosiddetti “working poor”, i lavoratori che pur occupati sono a rischio di povertà: secondo le ultime tabelle pubblicate dall’Eurostat in Italia tra gli occupati nella fascia tra i 18 e i 64 anni quelli in difficoltà sono l’11,7%, in aumento rispetto al 10,8% del 2020. La percentuale sale più velocemente nella fascia più giovane con il 15,3% per le persone tra i 18 e i 24 anni a fronte del 12,7% del 2020.

Secondo Eurostat in Italia sono meno a rischio povertà i dipendenti (9,9% comunque in aumento rispetto al 9,3% del 2020 e con la percentuale più alta dopo la Spagna) rispetto agli indipendenti (al 18,1% dal 16,5% del 2020), cosa che testimonia puntualmente la scarsa attenzione verso il lavoro autonomo da parte dei tre governi della legislatura che sta finendo.

L’Eurostat segnala che sono in aumento i lavoratori a rischio di povertà sia con un contratto a tempo indeterminato (dal 7,7% del totale nel 2020 all’8,1% nel 2021), che quelli con un contratto a termine (dal 15,4% nel 2020 al 21,5% nel 2021), ma per questi ultimi la crescita è molto più significativa. E’ a rischio di povertàsoprattutto chi ha un contratto part time (il 20% del totale a fronte del 16,3% del 2020) rispetto a chi ha un contratto a tempo pieno (in aumento comunque dal 9,6% al 10,1%).

La situazione varia a seconda della situazione familiare: il rischio di povertà è massimo per i single con bambini(ma in calo sul 2020), al 19,6% dal 20,8% del 2020 mentre è molto più basso per una coppia adulta senza bambini(al 6,7% dal 5,8% del 2020). Per una coppia con bambini il tasso di rischio di povertà è salito dal 12,4% al 13% mentre per un single il rischio di povertà è passato dal 16,7% al 17%, al livello più alto dal 2006.

Secondo Assoutenti, i dati sulla povertà in Italia «sono purtroppo destinati a peggiorare, come effetto del caro-energia, dell’aumento dei prezzi al dettaglio e della abnorme crescita dei listini alimentari. Si tratta di dati che, purtroppo, appaiono già superati e obsoleti a causa della grave situazione di crisi scoppiata nel 2022 – spiega il presidente Furio Truzzi -. L’emergenza bollette, unitamente all’impennata dell’inflazione che ha raggiunto i livelli record degli ultimi 38 anni, stanno creando nell’anno in corso una nuova ondata di povertà: lo dimostrano i dati Istat che registrano un tracollo delle vendite alimentari diminuite in volume del -4,4% su base annua. Questo significa che gli italiani, per far fronte al rincaro dei prezzi e al caro-bollette, sono costretti a mangiare di meno e tagliare i consumi alimentari, il sintomo più evidente dell’impoverimento che sta colpendo una consistente fetta di popolazione. Una situazione vergognosa per un paese civile contro la quale è necessario intervenire abbattendo subito l’Iva sugli alimentari, e fissando prezzi amministrati per luce e gas, allo scopo di contenere l’avanzata della povertà in Italia».

Essì che Luigi Di Maio aveva festeggiato dal balcone di Palazzo Chigi che lui, e la sua allegra compagnia pentastellata, aveva solennemente dichiarato che la povertà era stata abrogata grazie a quel reddito di cittadinanza che oggi, sotto elezioni, pure lui rinnega. Sarebbe bello che pure gli italiani gli rinnegassero il seggio.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata