“Popolo Produttivo”: nasce la nuova rappresentanza imprenditoriale

La nuova organizzazione rappresenta 950.000 posti lavoro e 10 categorie che chiedono moratoria fiscale e l’abbattimento dei costi dell’energia. 

0
1138
popolo produttivo

Una sigla unica per rappresentare circa 950.000 lavoratori di 10 categorie d’impresa in Italia: è “Popolo Produttivo”, che si presentato a Roma chiedendo al governo Meloni di essere riconosciuto come interlocutore affidabile, portatore di istanze e proposte concrete, cominciando da due punti come l’immediata moratoria bancaria, fiscale e contributiva e l’abbattimento dei costi di consumo energetico e del carburante.

Nel comitato, composto da piccole, medie e micro imprese, ci sono balneari, partite Iva, ambulanti, produttori agricoli, ristoratori, ormeggiatori. Le istanze sono tante e diverse, ma «senza unione – spiega Angelo Pavoncello, vicepresidente Ana Ugl – saremo meno ascoltati». Il Comitato, che si è formato a ottobre, come primo atto ha inviato una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e ai leader di partito italiani.

«Siamo uniti e difendiamo ogni singola categoria», afferma Claudio Maurelli del Comitato Adesso e BastaBalneari, aggiungendo che l’esigenza di fondare la nuova sigla è emersa per «l’inefficienza dei sindacati che hanno creato problematiche invece di risolverle».

Popolo Produttivo” si è costituito per dar voce alle attività produttive sempre più in difficoltà a causa della crisi economica. Per quanto riguarda gli ambulanti ad esempio, in 5 anni hanno chiuso 20.000 attività nel silenzio più totale. Le richieste sono urgenti. «Aprire una partita Iva – esclama Angelo Distefano, presidente di “Le partite Iva Italia” – è un incubo» che sul caro bollette afferma «al nuovo governo chiediamo una moratoria generale. Non è possibile che ora dopo quello che abbiamo passato ci minacciano di staccare la luce».

Per Ivano Zonetti, di Ana-Ugl, «il nuovo governo ha sulle spalle grandi attese, deve prendere coscienza della crisi. Si apra un tavolo di confronto». Fra i presenti, pochissimi i rappresentanti delle forze politiche. C’è Barbara Lezzi del Movimento 5 Stelle. E c’è il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri: «il senso mia presenza – dice l’esponente di Forza Italia – è testimoniare attenzione e ascolto. Il tema principale di questa fase è il costo dell’energia. Il nuovo governo ha già un piano da oltre 30 miliardi per 2023. Ma è necessario affrontare tema non solo a livello nazionale. Noi ci auguriamo che anche l’Europa faccia una parte consistente come ha fatto con emergenza covid».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata