Caro bancomat per le imprese: fino a 10.000 euro annuo

Unimpresa denuncia l’elevato costo di gestione del denaro elettronico per ristoranti e negozi. Longobardi: «il problema è grave specie per le piccole imprese». 

0
576
caro bancomat

Per le piccole e medie imprese è caro bancomat: secondo Unimpresa ammontano fino a 10.000 euro l’anno le spese complessive, tra costi fissi e commissioni bancarie, che un ristorante o un bar deve sostenere per gestire i pagamenti con Pos, accettando, quindi, carte di credito e bancomat.

Il caro bancomat è meno feroce rispetto al 2017, quando le tariffe dei pagamenti elettronici eranodecisamente più rilevanti e le spese complessive arrivavano a sfiorare 14.000 euro l’anno: in cinque anni, si è registrato un calo di circa il 40%. Un calo che interessa sia i costi fissi per i Pos(point of sale) passati in media, in relazione al canone mensile, da 14 euro a 5 euro (-63%) per gli apparecchi mobili e da 24 euro a 8 euro per (-66%) per i dispositivi fissi.

Quanto alle commissioni, si aggirano attorno all’1,6% per i Pos mobile (-26% sul 2017) e attorno all’1,40% per quelli fissi (-37%). La somma dei costi fissi mensili e delle commissioni riconosciutealle banche o ad altri operatori dell’industria dei pagamenti porta il totale del caro bancomat, acarico di un ristoratore o di un commerciante, fino a 10.000 euro: cifra alla quale si arriva, per esempio, nel caso non raro di un esercente in possesso di due o tre diversi dispositivi (mobile o fissi, per bancomat o carte di credito), ciascuno dei quali può comportare un esborso di 3.000-4.000 euro secondo l’incasso dell’attività.

Secondo il Centro studi di Unimpresa, l’obbligo di accettare pagamenti con le carte di credito e il Bancomat, con il livello minimo per commercianti e partite Iva portato da 30 euro a 60 euro con la legge di bilancio 2023 in discussione ala Camera, sta generando una incomprensibile querelle tra le forze politiche: chi associa l’innalzamento della soglia per i Pos a un aumento dell’evasione fiscaleinduce l’opinione pubblica in errore perché questa norma non agevola l’evasione fiscale e chi paga in contanti riceve o può pretendere lo scontrino.

«Va affrontato, assieme ai rappresentanti delle banche e al governo, il tema dei costi pagati alle banche sia quelli delle commissioni sulle singole transazioni sia quelli relativi al canone di noleggiodei singoli apparecchi Pos – commenta il presidente onorario di Unimpresa, Paolo Longobardi -: costi che se i grandi negozi riescono ad ammortizzare nell’ambito di importanti volumi d’affari, per le attività minori rappresentano, al contrario, un fattore non irrilevante che erode i già bassi marginidi guadagno».

Costi più contenuti, invece, anche in ragione del volume d’affari più ristretto, per un liberoprofessionista: per un Pos mobile che gestisce il bancomat oggi la spesa è di 1.200 euro circa, rispetto ai 1.800 euro del 2017 (-50%) oppure 1.400 euro per un Pos mobile delle carte di credito (-35% rispetto ai 2.200 euro del 2017); per i Pos fissi, invece, le partite Iva pagano 1.000 euro circa per quelli col bancomat (-40% rispetto ai 1.800 euro del 2017) oppure 1.300 euro per quelli dedicati ad altre carte (-48% rispetto ai 2.500 euro del 2017).

Un negoziante spende circa 3.300 euro per quelli mobile del bancomat (-25%), 3.750 euro per quelli mobile delle carte (-32%), 2.800 euro per quelli fissi con bancomat (-38%) e 3.500 euro per quelli fissi con carta (-44%). Un ristoratore spende circa 3.000 euro per quelli mobile del bancomat (-25%), 3.400 euro per quelli mobile delle carte (-32%), 2.500 euro per quelli fissi con bancomat (-37%) e 3.200 euro per quelli fissi con carta (-44%).

«La misura proposta dal governo di Giorgia Meloni, e ora all’esame del Parlamento, mira da un lato a garantire un certo grado di libertà ai commercianti e alle partite Iva, dall’altro consente, in talune circostanze, anche temporali, di agevolare le procedure di pagamento che, talvolta, comportano tempi aggiuntivi quando eseguite con il Pos – prosegue Longobardi -. Tempi più lunghi che possono essere dettati dalla ricerca della carta nelle borse e nei portafogli, dal ricordare il pin e anche dalla necessità, non remota, di ripetere l’operazione con il Pos in caso di disfunzioni nell’apparato, nel sistema di telefonia e collegamento con la banca, nell’inserimento del codice sbagliato. Lungaggini che, se possono essere gestite con semplicità in grandi esercizi commerciali, possono, invece, rappresentare un appesantimento dell’operatività per i negozi più piccoli, gestiti da una o due persone, quelli nei quali i pagamenti sono di importo contenuto, sotto, appunto, la soglia di 60 euro. È a queste criticità che la norma della legge di bilancio cerca di trovare una soluzione, una semplificazione»

Sarebbe utile anche capire se è sostenibile un simile caro bancomat specie delle commissioni su ogni transazione, anche alla luce degli ingentissimi utili che le banche stanno macinando (a titolo di esempio, la più grande banca italiana, Banca Intesa San Paolo, per il 2022 stima un utile netto di ben 4 miliardi di euro) e, forse, potrebbero accontentarsi di margini decisamente più bassi, anche riguardo al fatto che dall’utilizzo della moneta elettronica risparmiano grandemente sulla movimentazione del denaro fisico.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata