Popolo Produttivo: Pmi italiane a rischio estinzione

Di Stefano: «chiediamo la moratoria bancaria, fiscale e contributiva per non chiudere definitivamente».

0
446
popolo produttivo

Il Popolo Produttivo composto dalle migliaia di micro, piccole e medie imprese d’Italia che sono il tessuto produttivo ed occupazionale del Paese lanciano al governo Meloni un nuovo grido di allarme prima di esalare l’ultimo respiro.

Popolo Produttivo ha chiamato a raccolta a Roma presso la sala Tatarella della Camera dei Deputati le varie categorie di cui è composto, per stendere una piattaforma di richieste urgenti da inviare al governo.

Per Angelo Di Stefano, presidente di “Le Partite Iva d’Italia” e cofondatore di “Popolo Produttivo”, «da questo incontro emerge la necessità che il Governo tuteli e difenda l’identità del nostro Paese garantendo il “Made in Italy”. Direttiva Bolkestein, caro carburanti e costo energetico, assieme ai debiti pregressi causati dalla pandemia stanno progressivamente portando interi settori strategicidel Paese nel caos completo a vantaggio solo di lobby e multinazionali».

Popolo Produttivo chiede al governo Meloni «una moratoria bancaria, fiscale e contributiva, accompagnata da un calo dei costi energetici, che darebbe la possibilità e il tempo alle piccole imprese di trovare una soluzione e non di chiudere – continua Di Stefano -. Se non si agirà subito sarà messa a rischio l’identità stessa del “Made in Italy”, che lo ricordo, è composto principalmente dal settore alimentare, artigianale, dalle strutture balneari e ricettive, tutti perni fondanti per il turismo italiano».

All’evento romano hanno partecipato anche Ivano Zonetti (ambulanti di Ana Ugl), Vico Vicenzi (FederOrmeggi), Claudio Maurelli (Comitato nazionale balneari), Stefano Giammatteo (Aspal, Associazione produttori agricoli del Lazio), Annarita Nardini (coordinatrice Roma Tni Ristoratori Italia) e Rosa Silvana Abate (Coordinamento dei produttori ortofrutticoli italiani – Copoi).

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata