Partite Iva: anche nel 2022 continua il calo (-8,7%)

Secondo i dati diffusi dal Mef le nuove iscrizioni sono stata 501.000, di cui quasi la metà hanno aderito al sistema forfetario.

0
625
partite iva scostamento di bilancio

Continua anche nel 2022 la moria delle Partite Iva, a testimonianza come in Italia lavorare in proprio sia sempre più difficile e meno remunerativo. Nel corso del 2022 sono state aperte circa 501.500 nuove Partite Iva con una flessione dell’8,7% rispetto al 2021, anno in cui si era registrato un elevato numero di aperture a seguito dell’allentamento delle restrizioni legate all’emergenza Covid-19.

Secondo l’aggiornamento dei dati dell’Osservatorio sulle Partite Iva pubblicato dal ministerodell’Economia, nel 2022 sono stati 239.131 i soggetti che hanno aderito al regime forfetario(anziché al regime fiscale ordinario), dato sostanzialmente identico all’anno precedente. Queste adesioni rappresentano il 47,7% del totale delle nuove aperture di Partita Iva.

La distribuzione per natura giuridica mostra che il 70% delle Partite Iva è stato aperto da personefisiche, il 22,3% da società di capitali e solo il 3,3% da società di persone. Rispetto al 2021 la diminuzione di avviamenti è generalizzata: dalle società di persone (-8,1%), alle società di capitali (-5,9%) fino alle persone fisiche (-4,9%). Si nota, inoltre, il calo di Partite Iva avviate da soggetti non residenti (-51,3%), che l’anno prima avevano, invece, segnato un notevole aumento a causa dell’incremento delle vendite online nel periodo pandemico.

Riguardo alla ripartizione territoriale, il 46,5% delle nuove aperture è localizzato al Nord, il 22,3% al Centro e circa il 31% al Sud e Isole. Il confronto con l’anno precedente evidenzia che quasi tutte le regioni mostrano una diminuzione di avviamenti, in particolare Friuli Venezia Giulia (-25,3%), Veneto (-19,4%) e Molise (-16,9%). In controtendenza solamente Valle d’Aosta (+2,8%) e Liguria (+0,3%).

La classificazione per settore produttivo evidenzia che, per la prima volta, le attività professionalihanno registrato il maggior numero di aperture di Partite Iva (circa il 19% del totale), seguite dalcommercio (18,3%) e dall’edilizia (11%).

Tra i settori produttivi principali, quelli che rispetto al 2021 hanno fatto registrare le maggioriflessioni sono l’agricoltura (-31%), il commercio (-26,6%) e i servizi d’informazione (-8,5%). In aumento invece le nuove Partite Iva nei settori istruzione (+24,2%), trasporti (+11,8%) e attività artistiche e sportive (+11,7%).

Per quanto riguarda le persone fisiche, la ripartizione per genere è relativamente stabile, con il 60,9% di aperture da parte di soggetti di sesso maschile nel 2022. Il 49,6% delle nuove Partite Iva è stato avviato da giovani fino a 35 anni e il 30,5% da soggetti di età compresa tra i 36 e i 50 anni. Il confronto con l’anno precedente mostra una diminuzione di aperture crescente all’aumentare dell’età degli avvianti (dal -2,6% della classe più giovane al -13,6% di quella più anziana). La distribuzione delle nuove aperture di partite Iva sulla base del Paese di nascita evidenzia che circa il 20% degli avvianti è nato all’estero (dato in lieve aumento rispetto al 18% dell’anno 2021).

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata