La Bce alza i tassi di mezzo punto al 3,50%

Il tasso sui depositi sale al 3%. Ancora una volta Lagarde sbaglia strategia, proseguendo su una strada di 8 mesi di errori.

0
582
Tassi Bce economia europea tassi bce aumento dei tassi Bce alza i tassi quantitative easing simbolo euro eurotower sede bce

La Bce alza i tassi d’interesse di mezzo punto percentuale, portando il tasso sui rifinanziamenti principali al 3,50%, quello sui depositi al 3%, e quello sui prestiti marginali al 3,75%.

Ancor auna volta la presidente della Bce, la francese Christine Lagarde, si dimostra inadeguata al ruoloricoperto, che nella situazione di crisi di credibilità del sistema creditizio globale e con il rallentamentogeneralizzato dell’economia avrebbe consigliato prudenza, una pausa di riflessione per attendere la reazionedel mercato e il rientro delle tensioni innescate dal fallimento di alcune banche americane e dai problemi di liquidità di Credit Suisse.

Così non è stato e Lagarde non è riuscita a tenere a bada i fautori del continuo rialzo dei tassi che vorrebbero portare il rincaro al 5% entro il prossimo luglio, secondo una rotta che ha già centrato otto mesi di errori strategici, evidenziando i limiti dell’attuale vertice della Banca centrale europea, che rischia di diventare la palla al piede dell’economia europea.

Intanto, i consumatori iniziano a fare i conti sulle conseguenze delle decisioni della Bce. Secondo il Codacons l’aumento dei tassi d’interesse di 50 punti base deciso dalla Bce rappresenta un rincaro medio di +35 euro a rataper le famiglie italiane che hanno acceso un mutuo a tasso variabilemercato, quello dei mutui, che vale in Italia 426 miliardi di euro.

Negli ultimi giorni l’Euribor, indice di riferimento dei mutui a tasso variabile, si è attestato attorno al 2,62% per quello a 1 mese, 2,82% quello a 3 mesi: se l’aumento deciso dalla Bce dovesse essere traslato interamente sul mercato, l’Euribor salirebbe a quota 3,12% (quello a 1 mese), 3,32% quello a 3 mesi. Considerata una fasciamedia di mutuo a tasso variabile di importo compreso tra i 125.000 e i 150.000 euro, per una durata di 25 anni, ossia l’importo più richiesto in Italia da chi accende un finanziamento per l’acquisto di una casa, la rata mensile è destinata quindi a salire tra i 30 e i 40 euro per effetto della decisione odierna della Bce. Se però si considerano tutti gli incrementi imposti dalla Banca centrale europea a partire dallo scorso anno, la rata mensiledi un mutuo a tasso variabile salirà complessivamente tra i 210 e i 270 euro rispetto a quanto pagato nel 2021, con ripercussioni sulle famiglie comprese tra i +2.520 e + 3.240 euro all’anno. E non è certo un caso se, nell’ultimo anno, ben 2,4 milioni di famiglie con un mutuo a tasso variabile hanno dichiarato difficoltà nel pagamento delle rate, conclude il Codacons.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata