L’economia italiana tra rialzo dei tassi e inflazione alta

Confindustria, nel 2023 crescita piatta. Bonomi: «preoccupano le mosse Bce, così rischiamo la recessione».

0
667
economia italiana

Un 2023 a «crescita piatta», un «anno di transizione», guardando al 2024 per una economia italiana in ripresa sia pur con «una ripartenza lenta»: le previsioni di primavera del Centro studi Confindustria sono improntate al rialzo, dalla crescita zero delle precedenti stime ad un +0,4% del Pil 2023, «meglio del previsto», ma ne emerge anche che è «esclusivamente» crescita già acquisita, una «eredità positiva» dell’andamento del 2022. E per il 2024 la previsione è per un +1,2%, «grazie al rientro dell’inflazione, alla politica monetaria meno restrittiva e alla schiarita nel contesto internazionale».

Nello scenario sull’economia italiana delineato dal Centro studi Confindustria non c’è più alcun effetto Covid, ed è considerato già scontato l’impatto su famiglieimprese e mercati della guerra in Ucraina.

Ma c’è l’inflazione ancora alta anche se in calo, e c’è soprattutto il timore per le mosse di politica monetaria attuata per contrastarla: c’è «grande preoccupazione sul rialzo dei tassi, un’ulteriore stretta potrebbe far ulteriormente peggiorare il quadro. Riteniamo che serva veramente molta cautela da parte della Bce», avverte il vicepresidente di Confindustria Alberto Marenghi presentando il rapporto.

Il presidente di ConfindustriaCarlo Bonomi, è netto: «quello che sta facendo la Bce sta andando oltre il giusto contrasto che deve essere fattoNon vorrei che per contrastare l’inflazione si entrasse in recessione: la ricetta era giusta, l’operazione è andata benepoi il paziente è morto». Per l’economia italiana, avverte Bonomi, «ci aspettiamo un secondo semestre dell’anno in rallentamento. I dati della produzione manifatturiera purtroppo già stanno segnando un rallentamento, ed è importante: sappiamo tutti che la produzione manifatturiera fa da traino a tutto il resto».

Nell’analisi del Centro studi Confindustria l’inflazione è vista in frenata in media al +6,3% nel 2023 ed al +2,3% il prossimo anno. La dinamica dell’occupazione è a «ritmo smorzato», con un tasso di disoccupazione ancorato all’8% nel biennio. Quest’anno per i consumi resta una «dinamica debole» con una ripresa rinviata al 2023 anche per l’erosione dei redditi da parte dell’inflazione, mentre gli investimenti appaiono in «frenata» ed il commercio «in forte rallentamento».

Sullo scenario si affacciano nuovi rischi: «oltre a quelli connessi alla corretta calibrazione della politica monetaria, c’è la possibilità di un aumento dell’instabilità finanziaria che può coinvolgere, come emerso di recente, la solidità delle banche a livello internazionale (dopo gli episodi in Usa e Svizzera) e i mercati immobiliari che potrebbero risentire più del previsto dell’aumento dei tassi, come ci ricorda la crisi dei mutuisubprime del 2008».

Per il capoeconomista di ConfindustriaAlessandro Fontana, bisogna ora «sostenere i redditi delle famiglie, soprattutto quelle meno abbienti, per ridurre gli effetti dell’inflazione e sostenere i consumi»: la strada è quella del taglio del cuneo. Poi «continuare a proteggere le imprese energy intensive e supportare gli investimenti» delle aziende soprattutto sul fronte della transizione energetica.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata