Auto usate: in 3 mesi le quotazioni di mercato cresciute del 30%

Federcarrozzieri fa i conti. Per Assoutenti le auto nuove costano sempre di più co una media di 26.000 euro. Le case costruttrici abbandonano le utilitarie poco remunerative.

0
2942
auto usate antitrust

Per gli automobilisti è sempre peggio, tra i continui rincari dei carburanti ora s’aggiunge pure il caro acquistodel veicolo, nuovo o usato, in un mercato che sembra ormai fuori controllo specie per le auto usate, complici anche i tempi d’attesa lunghissimi per la consegna delle nuove, saliti del 30% nei primi tre mesi dell’anno.

Ma anche le auto nuove sono decisamente rincarate: 26.000 euro il costo medio, con le case costruttrici intenzionate a ridurre sempre più l’offerta sui settori delle utilitarie a causa dei margini divenuti irrisori e non sufficienti a coprire i costi degli investimenti nell’elettrificazione.

Secondo Federcarrozzieri, i tempi di attesa delle consegne delle auto nuove, che pian piano stanno tornando alla normalità, specie per i veicoli con livelli di finitura più alti e a maggiore margine per i costruttori – se si prova ad acquistare un veicolo nell’allestimento base, che è quasi sempre quello pubblicizzato dalle campagne ai consumatori, i tempi di consegna schizzano all’inverosimile -, il mercato delle auto usate in Italia è «letteralmente impazzito, facendo impennare i listini praticati al pubblico. Prima la crisi dei microchip, poi quella dei semiconduttori, unitamente ai problemi logistici legati alla carenza di bisarche e di autotrasportatori per la consegna dei veicoli e all’aumento dei listini (il prezzo medio attuale di una autovettura nuova è pari a 26.000 euro), hanno allungato a dismisura i tempi di consegna delle auto nuove, al punto che oggi l’attesa supera con facilità i 12 mesi».

In questa situazione «chi ha impellente necessità di acquistare una vettura, o di cambiare quella che già possiede, deve così rivolgersi al mercato dell’usato dove i prezzi, proprio in ragione della maggiore domanda (372.696 trasferimenti di proprietà solo a gennaio, +7,8% su base annua) sono schizzati alle stelle: nel 2022 i prezzi delle auto usate hanno subito un rincaro medio del 24%, fenomeno che prosegue anche nel 2023, al punto che nei primi 3 mesi del 2023 l’aumento dei listini si aggira attorno al 30%. Ci sono così ulteriori rischiper gli automobilisti e per i consumatori che si affacciano a tale mercato: il primo è legato evidentemente ai prezzi di acquisto superiori rispetto al passato, il secondo, di segno nettamente opposto – denuncia Federcarrozzieri – è determinato, in caso di sinistro, dalla insufficiente liquidazione dei danni da parte delle compagnie di assicurazioni».

Assoutenti ha intanto realizzato uno studio mettendo a confronto i listini praticati dalle case automobilistiche. Nel 2013 per acquistare un’auto nuova i consumatori italiani spendevano in media 18.000 euro, cifra salita oggia 26.000 euro con un aumento spropositato del +44,4% in appena 10 anni. Secondo gli ultimi dati Istat, a marzo2023 i prezzi delle auto nuove sono saliti del +6,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Alla base di tali rincari, sia l’avvento delle auto elettriche sul mercato, i cui costi elevati hanno alzato la media, sia la crisi delle materie prime, dai microchip alla componentistica, materiali sempre più rari e costosi, oltre che della dotazione di sicurezza obbligatoria che ha contribuito in modo percentualmente rilevante ai rincari.

«Se da un lato si spingono gli italiani a rinnovare il parco auto optando per vetture meno inquinanti, dall’altro acquistare una nuova vettura è sempre più proibitivo – spiega il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi -. La crisi delle materie prime ha avuto ripercussioni enormi sul settore, ma i costi di tale situazione sono stati scaricati sui consumatori finali i quali, ancora una volta, si ritrovano a pagare il prezzo di una crisi globale. Crediamo che il Governo debba contrastare l’esplosione dei listini delle auto studiando una seria politica di incentivi per il settore».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata