Mattarella “Manzoni esempio morale, l’Italia gli è debitrice”

0
225

MILANO (ITALPRESS) – “Un grande scrittore, un grande italiano, un
grande milanese. Perchè, caro sindaco, non si potrebbe spiegare
Manzoni senza Milano e, credo che si possa dire, Milano senza
Manzoni. Con questa cerimonia, vogliamo rendere testimonianza di
quanto l’Italia gli sia debitrice, in termini di pensiero, di
produzione letteraria, di esempio morale, di evoluzione della
lingua”. Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
intervento alla casa-museo Manzoni a Milano in occasione delle
celebrazioni per il 150esimo anniversario della morte dell’autore
de “I Promessi Sposi”.
“Manzoni, uno degli spiriti più nobili del nostro Ottocento,
protagonista del Romanticismo e del Risorgimento italiano.
Definito, a ragione, il padre del romanzo italiano e maestro
indiscusso di tante generazioni di letterati e di patrioti – ha
proseguito il capo dello stato -. La lettura dei “Promessi Sposi”
ci riserva, ogni volta, nuovi e sorprendenti aspetti, per finezza, per arguzia, per profondità, per vividezza delle descrizioni, per il tratteggio psicologico dei personaggi; talmente autentici che i loro nomi, ancora oggi, definiscono caratteri esemplari”.
“Sono state scritte pagine illuminanti sulla vicinanza, l’empatia, la condivisione dell’autore dei Promessi Sposi nei confronti delle masse popolari, che per la prima volta
diventano protagoniste di un romanzo. Utilizzando una terminologia odierna, possiamo parlare di un Manzoni certamente “popolare”, ma non “populista”, evidenzia Mattarella, secondo cui “il legame controverso che Manzoni stabilisce tra potere e
opinione pubblica, tra giustizia e sentimenti diffusi, ci induce a riflettere sui pericoli che corrono oggi le società democratiche di fronte alla diffusione del distorto e aggressivo uso dei social media, dell’accentramento dei mezzi di comunicazione nelle mani di pochi, della disinformazione organizzata e dei tentativi di sistematica manipolazione della realtà – ha rimarcato Mattarella – E, anche, sulla tendenza, registrabile in tutto il mondo, delle classi dirigenti a assecondare la propria base elettorale o di consenso e i suoi mutevoli umori, registrati di giorno in giorno attraverso i sondaggi, piuttosto che dedicarsi a costruire politiche di ampio respiro, capaci di resistere agli anni e di definire il futuro”.

– foto xh7/Italpress –
(ITALPRESS).