Vendemmia 2023 l’Italia perde il primato mondiale

Produzione in calo (-12%) a quasi 44 milioni di ettolitri. Se cala la quantità la qualità dovrebbe mantenersi eccellente.

0
7558
vendemmia 2023 3 Vendemmia a Maso Sette Fontane 1

Pioggia e grandine falcidiano la produzione 2023 di uva da vino, tanto che la vendemmia appena partita scende intorno ai 44 milioni di ettolitri di produzione di vino in Italia, in calo del 12% rispetto ai 50 milioni dello scorso anno.

Le previsioni rispetto all’anno in corso fotografano un’Italia enologica divisa in due, che vede il Nord confermarei livelli dello scorso anno (+0,8%), mentre al Centro-Sud si registrano cali fino al 40%. In pratica la vendemmia 2023, in base alle stime dell’Osservatorio Assoenologi, Ismea e Unione italiana vini (Uiv), potrebbe essere la piùleggera degli ultimi sei anni, facendo perdere all’Italia il primato di produzione, che va alla Francia.

A pesare negativamente, secondo le stime illustrate al ministero dell’Agricoltura, sono gli effetti dei mutamenti climatici che hanno portato un aumento di circa il 70% delle giornate di pioggia, peraltro concentrate proprio nel periodo dell’anno in cui vengono eseguiti i trattamenti contro le fitopatie, come la peronospora. Questo «ha determinato importanti differenze tra regioni». Se nel NordOvest si assiste all’importante ripresa della Lombardia(+15%), il NordEst è trainato dalla locomotiva Veneto (13 milioni di ettolitri, con un +5). Al Sud vendemmie molto scariche, con picchi negativi in Abruzzo (-40%), Molise (-45%), Calabria (-32%), Campania (-30%), Sicilia (-30%).

Secondo Livio Proietti, commissario straordinario Ismea, «la stima produttiva ormai è consolidata e mostra un calo produttivo che farà sì che quest’anno la Francia, con 45 milioni di ettolitri (-2% sul 2022), ci supererà nella produzione. Ma questo non è allarmante: il vero problema è la sfida dei consumi, che sono calati e questo ha creato un aumento di scorte di vino che raggiungono quasi il corrispettivo di un’intera vendemmia», superando i 49 milioni di ettolitri.

Lo conferma il presidente di Unione italiana vini (Uiv) Lamberto Frescobaldi: «la medaglia della produzione europea era una medaglia di legno. Vincevamo in termini di quantità, ma in termini di valore eravamo sotto la Francia: non era una medaglia d’oro, gliela lasciamo volentieri». Il vero problema «è il rallentamento della domanda, che sta deprimendo i listini».

Il presidente di Assoenologi, Riccardo Cotarella, parla di «una vendemmia molto complessa, per gli effetti di alluvioni, grandinate e siccità. La fotografia ci indica un calo della produzione significativo, ma otterremo vini di buona qualità, con punte di eccellenza».

L’obiettivo del settore è puntare sulla qualità, anche rinnovando il vigneto Italia, che è mediamente vecchio e ha tremila varietà, dal Nebbiolo al Primitivo, ma quelle realmente apprezzate sono poche, chiariscono gli esperti. Inoltre sconta la difficoltà a trovare manodopera e la scarsa meccanizzazione, anche rispetto alla Francia.

Mentre Uiv chiede al Governo di adeguare l’Italia al regolamento europeo sui vini a bassa o nulla gradazione alcolica, di cui cresce la domanda nel mondo, l’altra priorità è rivedere il sistema delle Dop e Igp, perché «servono più aggregazioni territoriali».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata