Save investe 50 milioni sull’aeroporto di Brescia Montichiari

Previsti interventi per migliorare la sostenibilità ambientale, nuove palazzine e rifacimento della pista entro il 2032 per crescere nel comparto cargo.

0
449
Save Aeroporto montichiari brescia aero cargo Silk Way Italia merci Alibaba 2

L’aeroporto di Montichiari (Brescia) «crescerà ulteriormente nel comparto cargo» entro il 2032 con un progettoda 50 milioni di euro: lo ha detto Monica Scarpa, amministratore delegato del Gruppo Save, titolare dello scalo, aggiungendo che «l’aeroporto di Montichiari è oggi un’importante infrastruttura per l’attività cargo, in grado di generare un’occupazione diretta, indiretta e derivante dalla capacità attrattiva di altri business di oltre 3.500 persone, con una ricaduta positiva sul territorio in termini di Pil pari a 220 milioni di euro».

Dati che, secondo Scarpa, «confermano la vocazione di Brescia quale scalo dedicato al trasporto aereo cargo, e che contiamo di far crescere ulteriormente grazie ai progetti di sviluppo previsti nel “masterplan” con orizzonte temporale al 2030».

«L’obiettivo – ha sottolineato Scarpa – è portare avanti un ambizioso programma di investimenti che prevede, tra il 2023 e il 2032, l’impiego di oltre 50 milioni di euro per la costruzione di due edifici dedicati alla gestione dei servizi di “handling” e “warehousing” su una superficie di 480.000 metri quadri totali, oltre ai lavori per la pavimentazione della pista di volo e dei piazzali adiacenti».

Previsti da Save anche interventi sul fronte della sostenibilità, tra cui la restrizione dei decolli notturni per il contenimento del rumore e la riduzione del consumo di acqua potabile, tramite il riutilizzo delle acque depurate e trattate anche grazie ad nuovo depuratore.

«A queste iniziative – ha concluso Scarpa – sarà poi affiancato un vasto programma di interventi per l’efficientamento energetico, anche tramite l’installazione di sistemi di illuminazione di ultima generazione».

«Nelle ultime settimane – ha ricordato Scarpa – il piano di sviluppo ha ottenuto l’approvazione del Decreto di compatibilità da parte del ministero dell’Ambiente, a cui nei prossimi mesi dovranno seguire la convocazione della conferenza dei servizi e il rilascio della conformità urbanistica da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata