Il reddito delle famiglie italiane cala dello 0,3%, unico caso fra i G7

Indagine Ocse sul reddito reale pro capite nell’Euroarea cresce invece dello 0,5%.

0
418
Prestiti bancari Crediti con garanzie pubbliche Ricchezza delle famiglie Produzione industriale reddito delle famiglie calo inflazione e fatturato industriale fare impresa Nuovo governo

Il reddito reale delle famiglie pro capite nell’area Ocse è aumentato per il quarto trimestre consecutivo, con un incremento dello 0,5% nel secondo trimestre del 2023, mentre il Pil reale pro capite è cresciuto dello 0,4%. Tuttavia, il ritmo di crescita del reddito reale delle famiglie pro capite è rallentato nel secondo trimestre del 2023 rispetto al primo trimestre, quando si era registrato un aumento dell’1,4%.

Nonostante l’aumento complessivo del reddito reale delle famiglie pro capite, il quadro non è omogeneo nei vari Paesi dell’Ocse. Dei 21 Paesi per i quali sono disponibili i dati, 11 hanno registrato un aumento nel secondo trimestre 2023, mentre dieci hanno registrato un calo.

Tra le economie del G7, il reddito familiare reale pro capite è aumentato in tutti i Paesi per i quali sono disponibili i dati, ad eccezione dell’Italia dove è calato dello 0,3%. Nel G7 il Pil reale pro capite nel secondo trimestre risulta in aumento dello 0,3%, dopo +0,4% nel primo trimestre. Il dato migliore tra i sette big è appannaggio del Giappone, con un aumento del Pil pro-capite dell’1,1% dopo +1%. Seguono con +0,4% gli Stati Uniti (come nel primo trimestre) e la Francia (dopo -0,1%). La Germania registra -0,1% dopo -0,4%, l’Italia-0,3% dopo +0,7%, il Regno Unito è a zero in entrambi i trimestri, mentre il Canada registra –0,4% dopo 0%.

Il Canada ha registrato l’aumento più consistente del reddito familiare reale pro capite (1,2%), trainato dalla crescita delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti e autonomi, che ha parzialmente annullato il calo registrato nel 1° trimestre 2023. Il secondo aumento più consistente è stato registrato nel Regno Unito (0,9%), trainato dagli aumenti delle prestazioni sociali e, in misura minore, dalle retribuzioni dei lavoratori dipendenti. Negli Stati Uniti la crescita del reddito familiare reale pro capite è rallentata allo 0,5% nel II trimestre 2023 rispetto al 2,3% del trimestre precedente.

Il reddito reale delle famiglie pro capite e il Pil reale pro capite nell’Ocse hanno registrato una tendenza al rialzo dal II trimestre 2022. Mentre i due indicatori si sono allontanati durante la pandemia di Covid-19, con il Pil reale pro capite che è salito dal minimo del secondo trimestre del 2020 e il reddito reale delle famiglie pro capite che è sceso dal primo trimestre del 2021, ora stanno evolvendo in tandem.

La tendenza al rialzo dal secondo trimestre del 2022 è stata guidata da Stati Uniti, Regno Unito e Francia. Tra gli altri Paesi Ocse, l’Ungheria ha registrato la crescita più elevata del reddito reale pro capite delle famiglie nel secondo trimestre del 2023 (3,0%) grazie all’attenuazione delle pressioni inflazionistiche. La Polonia ha registrato la maggiore contrazione del reddito familiare reale pro capite (-3,4%), con un calo anche del Pil reale pro capite (-1,3%).

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata