Italnuoto ancora sul podio a Doha, Razzetti bis e Miressi argento

0
132

DOHA (QATAR) (ITALPRESS) – Italnuoto sempre protagonista ai Mondiali di Doha. Due le finali con gli azzurri in vasca nella giornata appena conclusa, e altrettante medaglie portate a casa alle quali si aggiunge un altro pass per le Olimpiadi di Parigi 2024. Proprio ai Giochi francesi guarda Alessandro Miressi che ha vinto un prezioso argento nei 100 stile libero e promette: “Punto a qualcosa di più grande e mi aspettano quattro mesi di duro lavoro”. Il 25enne torinese ha conquistato la sua prima medaglia mondiale individuale con il tempo di 47″72, battuto solamente dal cinese, neo primatista del mondo, Zhanle Pan che lo sorpassa negli ultimi dieci metri e chiude in 47″53. Bronzo per l’ungherese Nandor Nemeth in 47″78. Miressi ha riportato l’Italia sul podio nella gara regina 17 anni dopo l’oro di Filippo Magnini, ed è il terzo italiano di sempre ad andare a medaglia in questa distanza dello stile libero. Ventuno, invece, gli anni senza un podio mondiale nei 200 misti, così ci ha pensato il “solito” Alberto Razzetti che dopo l’argento e la terza carta olimpica conquistati ieri nei 200 farfalla, oggi ha centrato un fantastico bronzo nei 200 misti. Una splendida gara in rimonta per il 24enne genovese, chiusa in 1’57″42, alle spalle del canadese Finlay Knox in 1’56″64, oro, e dello statunitense Carson Forster argento in 1’56″97. Ai piedi del podio il giapponese e bronzo iridato a Budapest 2022 Daiya Seto, solo quarto in 1’57″54. Una medaglia importante e “non scontata”, come ha spiegato lo stesso “Razzo”, in una “gara difficile. Ho dato il massimo, cercando di essere meno teso rispetto a ieri. Purtroppo non ho il dorso che avevo a Riccione a novembre, altrimenti avrei potuto anche vincere, ma per come mi sono sentito le scorse settimane è andata molto bene”, ha aggiunto. Una medaglia che mancava da Barcellona 2003, quando a conquistare il terzo posto fu Massimiliano Rosolino. Il bottino dell’Italnuoto a Doha sale, così, a quota otto medaglie, con un oro, cinque argenti e due bronzi. Fuori dalla finale dei 100 stile libero, invece, Chiara Tarantino, protagonista della 4×100 stile quinta con pass olimpico nella giornata d’apertura, ma decima nella semifinale individuale con la terza prestazione personale di sempre in 54″51. Niente da fare anche per Francesca Fangio che nei 200 rana ha chiuso in 2’26″39, seconda delle escluse dalla finale. Nelle altre gare la statunitense Claire Curzan ha bissato il successo nei 100 prendendosi anche i 50 dorso femminili in 27″43 davanti all’australiana Iona Anderson (27″45) e alla canadese Ingrid Wilm (27″61), e replicando lo stesso podio della gara sulla doppia distanza. Nei 200 farfalla femminili vittoria per la britannica Laura Stephens in 2’07″35 davanti alla danese Helena Rosendahl Bach (2’07″44) e alla bosniaca Lana Pudar in 2’07″92. In chiusura di giornata oro per la Cina nella staffetta 4×200 stile libero femminile in 7’47″26, davanti a Gran Bretagna (7’50″90) e Australia (7’51″41). Per l’Italia, non qualificata per la finale, c’è però la soddisfazione del pass olimpico, grazie a Sofia Morini, Giulia Ramatelli, Emma Virgina Menicucci e Giulia D’Innocenzo, decime in 8’00″19 al mattino.
– foto Ipa Agency –
(ITALPRESS).