Trionfo ai Bafta per “Oppenheimer” con 7 premi

0
115

ROMA (ITALPRESS) – E’ stato “Oppenheimer” di Christopher Nolan come da pronostico, a trionfare ai Bafta ottenendo sette premi.
I vincitori dei massimi premi del cinema anglosassone, considerati anche come anticipatori della corsa verso agli Oscar, sono stati annunciati nel corso di una cerimonia ospitata da David Tennant alla Royal Festival Hall di Londra.
“Oppenheimer” ha vinto i premi come miglior film; regista per Christopher Nolan; attore protagonista per Cillian Murphy; attore non protagonista per Robert Downey Jr.; cinematografia; montaggio e partitura originale. Alle sue spalle “Poor Things” con cinque riconoscimenti: attrice protagonista per Emma Stone; costumi, trucco e acconciatura, scenografie ed effetti visivi speciali.
“The Zone of Interest” ha vinto tre Bafta: miglior film britannico, film non in lingua inglese e sonoro. Tra gli altri riconoscimenti, “The Holdovers” ha vinto due categorie: attrice non protagonista per DàVine Joy Randolph e casting, “Anatomy of a Fall” ha vinto la sceneggiatura originale, “American Fiction” ha vinto la sceneggiatura adattata. Earth Mama ha vinto il premio come miglior debutto di uno scrittore, regista o produttore britannico. “Il ragazzo e l’airone” ha vinto come miglior film d’animazione. La borsa di studio Bafta è stata assegnata all’attrice e regista Samantha Morton. Il successo per Nolan segna la prima vittoria alla regia di un Bafta per il regista. E’ stata la prima volta ai Bafta anche per Murphy, che, nel ritirare il premio, ha tenuto a ringraziare Nolan per “aver visto” in lui qualcosa che probabilmente non aveva visto” lui stesso. E’ stato il secondo Bafta di Downey Jr, dopo aver vinto il premio come miglior attore 31 anni fa per aver interpretato Charlie Chaplin. Prima nomination e vittoria anche DàVine Joy Randolph. The Zone of Interest è stato invece il primo film a vincere sia la categoria miglior film britannico che quella non in lingua inglese. La rosa dei candidati ai Bafta è stata invece un’altra delusione per “Barbie”, che ha ottenuto solo cinque nomination.
(ITALPRESS).
– Foto: Ipa Agency –