Infrastrutture di trasporto: Italia ultima in Europa per metro, tram, treni suburbani

Nuova edizione del rapporto “Pendolaria” di Legambiente.

0
1126
Infrastrutture di trasporto

Italia maglia nera per la disponibilità di infrastrutture di trasporto sostenibile su ferro, ossia metropolitane, tranvie e ferrovie suburbane: in un confronto con Regno Unito, Germania e Spagna, il Belpaese si piazza ultimo in classifica.

L’edizione 2024 del rapportoPendolaria” di Legambiente evidenzia la forte carenza di infrastrutture di trasporto e quindi le città italiane sono sempre più preda di traffico e smog. Roma risulta «tra le città europee peggiori» in termini di dotazioni di binari e metro. «Mentre l’Europa viaggia sempre più velocemente su ferro le città italiane sono ferme al palo – afferma Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente -. Serve uno sforzo aggiuntivo sulle risorse economiche fino al 2030, pari a 1,5 miliardi di euro l’anno, per realizzare linee metropolitane, tranvie, linee suburbane, recuperando i fondi dalle tante infrastrutture autostradali e stradali previste, rifinanziando i fondi per il trasporto rapido di massa e la ciclabilità, completamente svuotati dal governo Meloni».

I dati di Legambiente illustrano che in Italia la lunghezza totale delle linee di metropolitane si ferma a poco meno di 256 chilometri, ben lontano dai valori di Regno Unito (680,4 km), Germania (656,5 km) e Spagna (615,6 km). Il totale delle linee metropolitane nell’intera Penisola è inferiore, o paragonabile a quello di singole città europee come Madrid (291,3 km) o Parigi (225,2 km).

Riguardo le tranvie, in Italia ci sono 397,4 chilometri, lontani dagli 875 km della Francia e soprattutto dai 2.042,9 km della Germania. Analoga situazione per le ferrovie suburbane, quelle prese ogni giorno da tanti pendolari, dove l’Italia è dotata di una rete totale di 740,6 chilometri mentre sono 2.041,3 quelli della Germania, 1.817,3 nel Regno Unito e 1.442,7 in Spagna.

Tra le città, Roma è tra le peggiori in Europa per dotazione di binari di metro: 1,43 chilometri ogni 100.000 abitanti, rispetto ad altre capitali, quali Londra (4,93), Madrid (4,48), Berlino (4,28). Sul fronte investimenti su ferro, il rapporto evidenzia che l’Italia «ha fatto ben poco», preferendo quello su gomma. Nel 2023, denuncia Legambiente, «non è stato inaugurato nemmeno un chilometro di nuove tranvie», mentre l’unica aggiunta alla voce metropolitane riguarda «l’apertura di un nuovo tratto della M4» a Milano. E se si guarda indietro negli anni, dal 2016 al 2023 sono stati «realizzati appena 11 chilometri di tranvie e 14,2 di metropolitane, con una media annua rispettivamente di 1,375 chilometri e 1,775 chilometri».

Secondo Legambiente, l’Italia è la nazione europea «più legata all’utilizzo dell’auto», con un parco vetture tra i più ampi con 666 auto ogni mille abitanti, il 30% in più rispetto alla media di Francia, Germania e Spagna.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata