Volksbank, assemblea dei soci tra class action e nuove condanne per la vendita di azioni

La banca chiude il 2023 con oltre 101 milioni di euro e 67 centesimi di dividendo per azione. Il Comitato Azionisti Südtirol annuncia la seconda class action.

0
328
volksbank
L'assemblea dei soci Volksbank 2024 a Bolzano.

L’assemblea 2024 dei soci di Volksbank banca popolare dell’Alto Adige svoltasi a Bolzano ha approvato il bilancio 2023 che si è chiuso con oltre 101 milioni di utile e dividendo a 67 centesimi per azione, in crescita di 5 cent rispetto al 2023, ma sorvolando sulla tempesta giudiziaria che sta interessando la banca, tra class action di risparmiatori delusi associati al Comitato Azionisti Südtirol e condanne in serie da parte della magistratura altoatesina a favore di singoli risparmiatori assistiti dall’associazione consumatori Robin.

L’assemblea dei soci ha approvato la delibera che consente ad ogni azionista di optare anche per ricevere il dividendo in azioni, provenienti dal portafoglio della banca, nel rapporto di n. 1 azione ogni 14 azioni detenute alla record date e comunque entro il limite massimo complessivo di 400.000 azioni Volksbank.

Al fine di incrementare la liquidità delle azioni di Volksbank sulla piattaforma di negoziazione Vorvel, l’assemblea ha conferito al Fondo acquisto azioni proprie della Banca ulteriori 3,5 milioni di euro di provvista, in modo che la società terza indipendente incaricata continui a supportare la liquidità dell’azione della Banca nel periodo intercorrente tra il 1° ottobre 2024 (quando scade la delibera presa nell’Assemblea del 1 aprile 2023) ed il 30 settembre 2025, attraverso acquisti al prezzo di mercato sulla piattaforma di negoziazione Vorvel.

L’assemblea ha anche approvato la proposta di procedere, nel periodo intercorrente tra settembre e ottobre 2024, all’assegnazione gratuita ai soci delle azioni Volksbank nel rapporto di n. 1 azione ogni n. 30 azioni detenute. Al prezzo di contrattazione attuale, pari a 8,96 euro per azione, con l’assegnazione gratuita si distribuirebbero 1,65 milioni di azioni per un controvalore di circa 15 milioni di euro (pari a circa 30 centesimi per azione detenuta).

Il presidente del consiglio di amministrazione, Lukas Ladurner, è soddisfatto del bilancio 2023: «la banca ha cumulato nel triennio 247 mln di euro di utile dopo le imposte (con una media di oltre 82 mln di euro all’anno)» e per il 2024 «la banca è in grado di remunerare i propri soci con oltre 50 milioni di euro: 32 mln euro in dividendi, 15 mln euro con l’assegnazione gratuita di 1 azione ogni 30 possedute ed il continuato sostegno alla liquidità del titolo per 3,5 milioni di euro. Nel complesso è un pacchetto di oltre 1 euro per azione detenuta, con un rendimento a due cifre».

Se dai vertici della banca si professa soddisfazione e positività per i risultati conseguiti e per quelli attesi nel prossimo futuro, viceversa tra gli azionisti non tutti sono soddisfatti, specie per il pesante deprezzamento subito dalle azioni, tanto che il Comitato Azionisti Südtirol annuncia la seconda class action contro Volksbank. Oltre 26.000 azionisti hanno partecipato all’aumento di capitale del 2015-2016 per oltre 95 milioni di euro.

«L’aumento di capitale del 2015-2016 della Banca Popolare dell’Alto Adige si era concluso il 22 gennaio 2016 con oltre 26.000 azionisti ai quali erano state assegnate azioni al prezzo di 19,20 euro/azione che ora hanno un prezzo medio di circa 8,50 euro/azione (-55% circa). Anche in quest’occasione il Comitato Azionisti Südtirol, tramite ai suoi consulenti legali, gli avvocati Prof. Massimo Cerniglia, Alessandro Caponi e Roberto Ciammarughi, ha potuto constatare gravi problematiche di criticità. Queste criticità sono state comunicate tramite una lettera ai responsabili della banca che ha dato una risposta meramente interlocutoria, non manifestando alcuna concreta apertura ad un possibile dialogo» commenta il Comitato.

«La prima class action presentata dal Comitato Azionisti Südtirol nello scorso anno ha messo in luce l’ingannevolezza delle pratiche della banca nel collocamento delle sue azioni, una situazione ampiamente riconosciuta anche dall’Arbitro finanziario presso la Consob e confermata dalle autorità giudiziarie competenti, da ultimo anche il Tribunale di Bolzano – prosegue la nota del Comitato -. Nonostante la decisione del Tribunale di Venezia e della Corte d’Appello di Venezia di ammettere la class action, la Volksbank ha continuato a ignorare le richieste di dialogo e di conciliazione avanzate dal Comitato. Le recenti sentenze emesse dal Tribunale di Bolzano confermano ulteriormente le gravi irregolarità nell’operato della banca, mettendo in luce violazioni delle regole di comportamento stabilite dalla normativa finanziaria».

Proprio dal Tribunale di Bolzano continuano ad arrivare sentenze favorevoli relativamente alle decine di cause intentate da singoli azionisti assistiti dal Comitato Azionisti Südtirol e dal relativo pool di legali che hanno ottenuto fin qui sette sentenze favorevoli ai risparmiatori, con la condanna della Volksbank ad indennizzare gli attori.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata