Casta Continua trionfa ancora: le pensioni ante 2012 dei senatori ricalcolate con il retributivo

1.000 ex senatori vincono il ricorso contro i tagli apportati nel 2018. Lo stesso toccherà anche agli ex deputati. Uno scherzetto da 40 milioni a camera per i contribuenti.

0
216
Casta Continua

Casta Continua trionfa ancora, parafrasando un celebre slogan della sinistra, solo che invece degli operai, a trionfare nella tutela dei propri diritti, anzi, dei propri privilegi sono senatori e, molto probabilmente, anche i deputati.

Casta Continua ha lottato strenuamente per la difesa dei propri privilegi pensionistici, per i trattamenti maturati ante 2012, calcolati con il sistema retributivo, decisamente più favorevole rispetto al contributivo in vigore dal 2012 per tutti i nuovi eletti.

Galeotta fu la decisione del presidente della Camera, il grillino Roberto Fico, che nel 2018 decise di estendere il sistema contributivo per tutti i trattamenti pensionistici in essere di Casta Continua, imitato con comodo anche dal Senato, sollevando la ribellione degli ex servitori della Patria che hanno presentato ricorso contro un taglio di circa il 25% dei loro meritati emolumenti pensionistici.

Particolarmente attivi sono stati quei parlamentari con all’attivo solo uno o due mandati, quelli su cui i tagli incidevano maggiormente. Ora, dopo una serie di ricorsi presentati ai vertici di Camera e Senato, responsabili in proprio dei trattamenti da erogare ai propri membri, sulla base del principio di autodichia, i ricorrenti assistiti dall’avvocato bellunese Maurizio Paniz, ex parlamentare di Forza Italia pure lui, sono riusciti nel loro intento, facendosi riconoscere i diritti acquisiti ed erogare le sommeingiustamentetrattenute.

Ti piace “Lo Schiacciasassi”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

Uno scherzetto per le casse del Senato – i ricorsi alla Camera dei deputati sono ancora pendenticosterà la bellezza di 40 milioni di euro l’anno per indennizzare 851 ex senatori e 444 titolari della reversibilità della pensione senatoriale. Una cifra simile è probabile che costerà anche alle casse della Camera. Un parlamento che, nonostante la riduzione di un terzo di deputati e senatori in servizio attivo, ha mantenuto invariati i propri costi di “servizio”, 960 milioni per la Camera e 560 milioni per il Senato, all’anno ovviamente.

Nel campo della tutela dei propri diritti pensionistici, Casta Continua ha trionfato e tanti saluti a quei tanti lavoratori che un trattamento previdenziale come quello dei parlamentari solo se lo sognano, sia per il numero di anni di versamento necessari per maturarlo, sia per il relativo ammontare.

Non solo: quando le fa comodo, Casta Continua vuole vedersi riconoscere i medesimi diritti dei comuni cittadini. Questo è il caso delle pensioni di tanti ex parlamentari e consiglieri regionali finiti nel gorgo della giustizia perché beccati con il grisbì in mano. Fino ad ora, le pensioni degli ex Casta Continua erano ritenute trattamenti privilegiati e, come tali, non soggette ad alcun limite di pignorabilità, con il risultato che a moltimariuoliè stato confiscato tutto il trattamento pensionistico a scopo di risarcimento del danno subito. Ora si cambia, grazie ad un ricorso sempre dell’avvocato Paniz nei confronti dell’ex assessore regionale dei lavori pubblici del Veneto, l’azzurro Renato Chisso, coinvolto nelle mazzette per il Mose di Venezia e altri cantieri, perché anche le pensioni degli ex di Casta Continua sono considerate pensioni ordinarie e soggette al tetto del 20% del loro ammontare per la pignorabilità. E il risultato è che lo Stato dovrà restituire le somme pignorate eccedenti il quinto della pensione a tutti gli ex di Casta Continua che hanno sbagliato, con tanto di scuse e degli interessi fino ad avvenuto incasso.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Lo Schiacciasassi”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/FsaPO_JAuXw?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

https://www.facebook.com/viviitaliatvwebtv

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata