Monitor distretti industriali del Triveneto: export IV trimestre 2023 oltre i 42 miliardi

In testa il Veneto, seguito da Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia, staccato.

0
168
Monitor distretti industriali del Triveneto balcani esportazioni della provincia di Udine esportazioni italiane export trentino alto adige

Il Monitor distretti industriali del Triveneto al quarto trimestre 2023, curato da Research Department Intesa Sanpaolo vede la sostanziale conferma dei valori del 2022, superando i 42 miliardi di euro a prezzi correnti. Emerge una forte eterogeneità interna: il Veneto ha registrato una diminuzione contenuta (-0,4% pari a -122,7 milioni di euro), a differenza del Friuli Venezia Giulia calato del 9,0% (pari a una perdita di 290,9 milioni di euro) e del Trentino Alto Adige che ha segnato al contrario un deciso aumento del +6,8% (pari a +365,8 milioni di euro).

Il Monitor distretti industriali del Triveneto evidenzia come, dopo un primo trimestre 2023 di crescita diffusa, i distretti hanno poi mostrato segnali di rallentamento nel corso dell’anno, entrando in territorio negativo in Veneto e Friuli Venezia Giulia già nel secondo trimestre, per poi chiudere l’ultimo quarto in calo (rispettivamente -4,0% e -6,7%); l’export distrettuale è invece rimasto ininterrottamente in territorio positivo in Trentino Alto Adige, che ha chiuso il quarto trimestre con un progresso tendenziale del 6%.

Le importazioni dei distretti del Triveneto hanno accusato nell’anno un calo ancora più rilevante (-7,2%) consentendo all’avanzo commerciale di salire a 25,9 miliardi di euro, il valore più alto di sempre (+69% in più rispetto al saldo del 2008). Il saldo commerciale del Triveneto viene così a rappresentare il 27,5% del totale dei distretti italiani (il Veneto da solo misura il 22,1%).

Le aree geografiche dove si è riscontrato il maggior aumento delle esportazioni distrettuali del Triveneto sono nell’ordine Turchia, America Latina e, nell’Europa a 15, Francia, Spagna, Grecia e Germania mentre i cali più consistenti si sono osservati nel Nord America (le esportazioni verso gli Stati Uniti hanno subito un calo del 6,8% sul 2022, anno da record con un incremento del 23,4% sull’anno precedente) e nell’Asia Orientale per il raffreddamento della domanda dalla Cina (-14,4%) e dalla Corea (-9,9%) nonostante l’ottima performance di Hong Kong (+26,6%, grazie all’Occhialeria di Belluno).

I migliori risultati sono stati toccati dai distretti della moda e della meccanica: l’Occhialeria di Belluno (sfiora i 4 miliardi di euro di export, in crescita dell’8,8%) è il distretto con la migliore performance a livello del Triveneto e al quarto posto a livello italiano. Risultati altrettanto positivi per i due distretti della Meccatronica del Trentino Alto Adige e per le Calzature del Brenta, seguiti dalla Termomeccanica di Padova, dalla Meccanica strumentale di Vicenza e dalle Macchine agricole di Padova e Vicenza. Vengono poi i distretti dell’agroalimentare con le Carni di Verona e il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, che mantiene il primo posto tra i vini per crescita di vendite all’estero.

I distretti che hanno invece registrato i ridimensionamenti più consistenti delle esportazioni appartengono ai settori intermedi (Materie plastiche di Treviso, Vicenza e Padova e Concia di Arzignano) che sono anche stati condizionati dal rallentamento dell’industria automobilistica tedesca, quelli del legno e arredo (Legno e arredo di Treviso, Mobile e Pannelli di Pordenone) e delle fasce medio-basse di prezzo delle calzature del sistema moda (Calzatura Veronese, Calzatura sportiva e Sportsystem di Montebelluna).

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata