A Trento la conferenza internazionale sulla gestione del software

0
651

Trento ospita la conferenza internazionale sulla gestione del software RE 2011

Trento ospita fino al 2 settembre RE 2011, il convegno internazionale di riferimento nel campo sempre più strategico dei requisiti dei software (Requirements Engineering).Giunto alla diciannovesima edizione, l’evento è organizzato per la prima volta in Italia, dalla Fondazione Bruno Kessler (FBK) con la collaborazione dell’Università di Trento.

Più di 200 ricercatori ed esperti dell’industria provenienti da tutto il mondo si confrontano nella Città del Concilio sulle principali sfide del settore, con particolare attenzione alle esigenze degli utenti e alle necessità di continua evoluzione dei software. I primi due giorni sono dedicati a seminari specialistici, mentre dalle ore 9.00 di mercoledì 31 agosto e fino al 2 settembre si svolgerà la conferenza principale con interventi plenari, sessioni tecnico-scientifiche e tavole rotonde. La candidatura e la selezione di Trento per ospitare il convegno internazionale sono stati possibili grazie all’eccellenza scientifica della ricerca trentina nel settore dell’ingegneria dei requisiti dei software e alla collaborazione iniziata più di 10 anni fa tra il gruppo di ricerca FBK coordinato da Anna Perini e quello di John Mylopoulos (allora afferente sia all’Università di Toronto che a quella di Trento).Proprio la pervasività dei sistemi software nel vivere quotidiano richiede la corretta definizione dei requisiti che il software deve rispettare in modo da essere in armonia con le necessità e i desideri degli utenti, sicuro e rispettoso delle leggi di cui la società si è dotata. Tale attività è indispensabile per stabilire la qualità del software desiderato.

E’ proprio di questo che si occupa l’ingegneria dei requisiti del software: offrire strumenti per la comprensione dei bisogni degli utilizzatori del software, la definizione della qualità desiderata e il controllo dei costi per lo sviluppo e la manutenzione del software stesso. Tre aspetti la cui complessità cresce di pari passo con la velocità con cui la tecnologia dei dispositivi d’uso evolve (non solo computer connessi a rete fissa, ma i più disparati dispositivi mobili, quali smartphone e iPad) e con l’aumentare della varietà degli utenti finali. Queste le principali sfide su cui la ricerca scientifica nel settore dell’ingegneria dei requisiti si sta confrontando, con particolare attenzione alla necessità che il software si adegui ed evolva continuamente. E queste nuove sfide motivano anche l’interesse con cui i ricercatori in ingegneria dei requisiti guardano ad altre discipline, quali psicologia, etnografia, e filosofia.