La regione Friuli Venezia Giulia va incontro alle esigenze delle aziende abbattendo nei 2012 l’Irap di 1 punto percentuale

0
470

Sandra Savino e Renzo TondoIl Friuli Venezia Giulia abbatterà di un punto l’Irap, da 3,9 a 2,9%, pari una percentuale del 25% e per un valore complessivo di 95 milioni di euro. Lo ha annunciato a Udine il presidente, Renzo Tondo, presentando insieme all’assessore alle Finanze, Sandra Savino, il “cuore” della manovra finanziaria del prossimo anno, che è stata approvata dall’esecutivo in forma preliminare e che pareggerà a oltre 6 miliardi di euro.

 

Per il presidente Tondo, “questa è la vera novità della prossima finanziaria che deriva da un’operazione corretta ideata dall’assessore Savino. Siccome il decreto Tremonti non ci concede di spendere quest’anno 77 milioni, abbiamo deciso di lasciare questi soldi dove sono, cioè alle imprese che producono ricchezza”. Dello sconto Irap beneficeranno 88.000 aziende attive in regione.

Gran parte dei 95 milioni saranno recuperati dal decreto Tremonti sui limiti di spesa, legato al Patto europeo di stabilità e crescita. “Dovendo noi comunque abbassare il livello della spesa di 77 milioni di euro – ha proseguito Tondo – sostanzialmente non li prendiamo in modo da lasciarli direttamente alle aziende; dieci derivano dal credito Irap dell’anno scorso, e quindi l’operazione incide sulle nostre casse per otto milioni”.

Secondo l’assessore Sandra Savino, “già l’anno scorso abbiamo rimodulato le spese sui 77 milioni in meno e nel 2012 li utilizziamo per l’abbattimento dell’Irap”. Tondo e Savino hanno anticipato che lo sconto Irap varrà per l’agricoltura (2,3 milioni), per le attività finanziarie e assicurative (16), per le attività immobiliari (3), per quelle manifatturiere (25), per le attività professionali e tecniche (7), per il commercio (10,5), per la fornitura energia (3,6), per i servizi di informazione e comunicazione (3,9) e per il trasporto (8,5).

Per Tondo “in questo modo vogliamo intervenire sulle imprese: siamo stati la prima regione in Italia che ha abbattuto il debito e così siamo anche la prima che abbatte di un buon 25% la tassa regionale delle attività produttive, tenendo come parametro il gettito 2009”. Tondo ha infine annunciato che “sanità, benzina, casa avranno più soldi o gli stessi dell’anno scorso, mentre altri assessorati avranno delle riduzioni, ma poi ci sarà l’assestamento di bilancio per provvedere ad eventuali necessità”.