Per la Haydn c’è la Prima di Čajkovskij

0
329
Johannes Debus
Johannes Debus

 

Johannes DebusDebutta sul podio dell’Orchestra Haydn la bacchetta del tedesco Johannes Debus.
Al suo fianco la soprano canadese Aline Kutan che interpreterà due celebri arie mozartiane

Nell’ambito della 52. Stagione concertistica, martedì 13 dicembre all’Auditorium di Bolzano (ore 20.00) e mercoledì 14 dicembre all’Auditorium S. Chiara di Trento (ore 20.30), l’orchestra regionale proporrà per la prima volta l’esecuzione della Prima Sinfonia di P.I. Čajkovskij. Una partitura, quella dell’autore russo, che rivela fin da subito il sinfonista nato. Composta nel 1866, ad appena ventisei anni, un anno dopo il diploma conseguito al Conservatorio di San Pietroburgo, conquista fin dalle prime battute, da cui si sviluppa poi un denso intreccio di temi e motivi, assai orecchiabili, che confermano Čajkovskij maestro assoluto di atmosfere romanticamente appassionate. La Sinfonia reca un sottotitolo, “Sogni d’inverno”, da cui si intuiscono due delle fonti d’ispirazione del compositore, il mondo onirico (ben pochi musicisti hanno avuto una fantasia più accesa di Čajkovskij, semmai ce ne furono) e la sua terra, amatissima, la cui spessa coltre di neve si raffigura come un simbolo della sua indole malinconica; il secondo tempo, Adagio cantabile ma non tanto, struggente, può essere letto come un anticipo della Sinfonia estrema, la “Patetica”, e racchiude le virtù del miglior Čajkovskij: un’inventiva melodica che forse non ha pari tra i suoi contemporanei e una sapienza d’orchestratore che lo pone ai vertici della scuola russa e non solo.

In apertura di serata sarà eseguita l’Ouverture romantica di Ludwig Thuille, compositore nato a Bolzano nel 1861. Rimasto orfano in tenera età, crebbe dapprima in collegio a Kremsmünster, poi a Innsbruck, dove si trasferì quindicenne, per approdare infine a Monaco di Baviera nel 1879, subito dopo la maturità. La Romantische Ouvertüre venne composta su suggerimento dell’amico Richard Strauss, nel novembre 1896, quale introduzione all’opera Theuerdank, che proprio Strauss avrebbe presentato per la prima volta, il 12 marzo 1897, al pubblico monacense, quando egli era primo Kapellmeister del Königliches Hof- und Nationaltheater, l’attuale Opera di Stato Bavarese.

Aline KutanA seguire due celebri arie mozartiane, «Mia speranza adorata! – Ah non sai qual pena sia», k 416 e «Vorrei spiegarvi, oh Dio», k 418 che saranno affidate alla soprano ALINE KUTAN, al suo debutto con l’Orchestra Haydn. Canadese di origini armene (è nata a Istanbul), Aline Kutan ha studiato alla University of British Columbia a Vancouver e alla Laval University del Québec.