Quanto rende finanziare opere cinematografiche da parte di enti locali

0
287
CoordinamentoTeatraleTrentino film proiettore cinematografico 1

CoordinamentoTeatraleTrentino film proiettore cinematografico 1L’esperienza del Trentino che ha stanziato i fondi 2012: 1.200.000 euro

Nel 2012, il fondo dedicato al settore cinematografico e audiovisivo – attraverso la Film Commission della provincia di Trento – sarà di un 1.200.000 euro, per il 30% destinato alle spese dirette e per il 70% assegnato al finanziamento di produzioni cinematografiche, televisive, di documentari locali, nazionali e internazionali, di format televisivi originali e per il sostegno alla partecipazione a momenti di formazione e di mercato professionale.
Dal maggio 2011 il Trentino ha aperto la propria Film Commission – struttura incardinata sull’Ufficio stampa della Provincia -, chiamata a supportare il settore audiovisivo sul territorio, con tre obiettivi: incentivare l’economia locale; creare prodotti culturali di qualità; promuovere il territorio. Obiettivi che la Giunta provinciale presieduta da Lorenzo Dellai ha ritenuto in gran parte raggiunti e per questo ribaditi anche per il 2012. Lo scorso anno le produzioni audiovisive supportate dalla Trentino Film Commission hanno riguardato tre progetti cinematografici nazionali, due progetti cinematografici internazionali, una fiction TV, due programmi TV di intrattenimento, due progetti di documentario e un progetto di animazione. Sono state 120 le giornate di riprese pianificate in Trentino, 800.000 i fondi pubblici erogati a fronte dei quali vanno però evidenziati 1.480.000 euro di spese sostenute dalle produzioni sul territorio, con una evidente positiva ricaduta sui diversi comparti economici locali: dai pernottamenti in hotel al noleggio delle attrezzature, dalle prestazioni di professionisti ed artigiani del settore all’affitto di location e a servizi catering. Ovviamente non è quantificabile, ma facilmente intuibile, il valore di una promozione di questo tipo per il territorio. Altre cifre, aiutano poi a comprendere ruolo e significato della TFC, anche nei confronti del territorio e in particolare delle realtà aziendali e produttive, visto che sono circa un centinaio – nel 2011 – i professionisti e le aziende locali coinvolti nelle diverse produzioni. E circa 400, tra attori e comparse, le maestranze artistiche locali coinvolte.