Alto Adige, sottoscritto accordo tra Provincia e categorie per il personale di sicurezza dei locali pubblici

0
383
pab da sx Durnwalder il commissario del Governo Valenti il presidente del Consorzio dei Comuni Arno Kompatscher 1
pab da sx Durnwalder il commissario del Governo Valenti il presidente del Consorzio dei Comuni Arno Kompatscher 1Formazione e aggiornamento professionale per garantire alla clientela la sicurezza

È stato sottoscritto presso il Commissariato del Governo della provincia di Bolzano il “protocollo di legalità” riguardante la formazione del personale addetto ai servizi di controllo e di sicurezza presso esercizi pubblici di intrattenimento e di spettacolo. Il “protocollo” è stato sottoscritto dal presidente della Provincia, Luis Durnwalder, dal commissario del Governo, Valerio Valenti, dal questore di Bolzano, Leonardo La Vigna, dal presidente del Consorzio dei comuni, Arno Kompatscher, dal presidente dell’unione commercio, turismo e servizi, Walter Amort, dal presidente dell’Unione albergatori e pubblici esercenti, Walter Maister e dal presidente di Confesercenti, Federico Tibaldo.

Il “protocollo di legalità” prevede la formazione professionale del personale addetto ai servizi di controllo e di sicurezza presso esercizi pubblici di intrattenimento e di spettacolo e trova applicazione nei locali, inclusi gli spazi esterni immediatamente attigui, e nei luoghi dove viene esercitata attività di somministrazione e vendita per il consumo diretto di bevande alcoliche e superalcoliche.

Durnwalder, ha sottolineato al termine dell’incontro che questa è la prima iniziativa di questo tipo realizzata a livello nazionale: “la formazione di questi ‘security men’ è necessaria allo scopo di garantire anche in futuro la sicurezza nelle aree dove vi sono questi locali e prevenire episodi di violenza che spesso di verificano in relazione al consumo eccessivo di bevande alcoliche. L’intervento di questo personale addetto alla sicurezza sarà comunque a sostegno del normale servizio svolto dalle Forze dell’ordine”.