Al via la fatturazione elettronica, oggi la maratona Meno Carta

0
472

Padova. Una mini-maratona lunga tutto un pomeriggio per rispondere ad ogni domanda sulla fatturazione elettronica. Menocarta.net ha deciso di salutare così l’entrata in vigore dell’obbligo di emettere fattura elettronica nei confronti di tutta la Pubblica Amministrazione. Oggi 31 marzo gli esperti Menocarta.net saranno online gratuitamente dalle 15 alle 18 sul canale http://www.ustream.tv/channel/menocarta-net, per tutto il pomeriggio sarà possibile fare domande e porre ogni tipo di quesito attraverso la chat a disposizione o scrivendo a info@menocarta.net.

“Si tratta di un nuovo aiuto che Menocarta.net vuole dare a professionisti ed aziende per accompagnarli nel cammino verso una reale digitalizzazione del proprio studio o del proprio business – ha spiegato Andrea Cortellazzo, partner Menocarta.net e commercialista di Padova – come in ogni rivoluzione anche in questo caso ci sono resistenze e scetticismi ma è evidente che la ripresa avverrà solo attraverso un efficientamento dei processi e vedrà inevitabilmente un uso strategico del digitale e dell’Ict. L’abbiamo dimostrato con i fatti, più di un anno fa, inaugurando il workspace di Padova: un open space rigorosamente paperfree, senza stampanti, archivi o raccoglitori. Lavorare senza carta è possibile. Anzi, continuare a stampare fatture e documenti su carta quando se ne potrebbe benissimo fare a meno sarebbe come comunicare con i clienti solo attraverso posta ordinaria invece che email”.
In un anno la rete d’impresa Menocarta.net ha gestito 2.200.000 fatture in formato digitale. Ciò significa che ha permesso di non stampare circa 5 milioni di pagine, una pila di carta alta 50 metri, più o meno come un grattacelo di 17 piani, pesante 25 tonnellate riuscendo così a non emettere nell’ambiente 42 tonnellate di Co2 e a non abbattere 63 alberi. I risparmi totali inoltre oscillano tra gli 8,8 milioni di euro (in caso di digitalizzazione di una singola fattura) e i 19,8 milioni di euro per gli interscambi di documenti digitali più strutturati
Nella rivoluzione digitale che scatterà il primo aprile saranno coinvolti quasi 37 mila uffici di oltre 21 mila amministrazioni e due milioni di aziende, enti e imprese che dovranno d’ora in avanti scambiarsi fatture esclusivamente in modalità elettronica.
Il bilancio dei primi sei mesi di fatturazione elettronica (dallo scorso 6 giugno ad oggi limitato alla PA centrale) ha visto 1.930.222 fatture inviate (giugno-dicembre 2014). I vantaggi sono evidenti. Quelli stimati dal Politecnico di Milano parlano di un risparmio di un miliardo di euro all’anno per la PA e di mezzo miliardo per le imprese (tra minori costi per i materiali, spazi fisici dedicati e trasmissione del documento). I vantaggi totali che si potrebbero ottenere dalla dematerializzazione dei 45 miliardi di documenti “business” prodotti in Italia ogni anno (circa 600 miliardi di fogli di carta) si tradurrebbero in 4 milioni di tonnellate di Co2 non immesse in atmosfera, in 24 milioni di alberi non abbattuti, in 10 miliardi di ore di lavoro in meno e in un risparmio economico di 12 miliardi di euro (solo considerando i costi di cancelleria)