Regione Veneto, ad Arzignano nasce il distretto della concia dei pellami

0
449
ARZIGNANO DISTRETTOCONCIA 3ASSESSORI Bottacin Marcato Donazzan
Donazzan: «pronti a creare un polo di formazione superiore per il settore pelle»

 

ARZIGNANO DISTRETTOCONCIA 3ASSESSORI Bottacin Marcato DonazzanAd Arzignano nel Vicentino nasce il distretto della concia dei pellami alla presenza degli assessori regionali all’istruzione, formazione e lavoro, Elena Donazzan, ddell’ambietne Gaimpaolo Bottacin e delle attività produttive Roberto Marcato. 

Il distretto della pelle e della concia conta un centinaio di imprese e circa 10.000 occupati, registrando un tasso da primato per densità di imprese nel territorio. Per accompagnare la crescita del settore, la regione del Veneto «è pronta a sostenere il distretto della concia con percorsi di  formazione tecnica superiore altamente specialistica e una filiera formativa che valorizza il capitale umano e l’esperienza imprenditoriale e tecnologica dell’Ovest Vicentino» ha sottolineato Donazzan secondo cui «oggi siamo stati “a lezione” intensiva con esperienze dirette di imprenditori o manager di alcune tra le più importanti aziende della filiera che hanno saputo tenere il passo con la competizione ormai mondiale, innovare processi produttivi e abbattere l’impatto ambientale delle proprie produzioni. Aziende che hanno saputo integrarsi con il territorio, mettere a fattor comune le risorse formative e di ricerca presenti in loco e ottenere certificazioni ambientali e di responsabilità sociale, che ne fanno un emblema del “Made in Italy”».

«A questo successo imprenditoriale e di sviluppo di una comunità hanno contribuito in maniera determinante – sostiene l’assessore Donazzan –  la formazione svolta dal CFP Chiampo e dall’Istituto tecnico Galilei: due realtà di eccellenza del sistema veneto educativo che ci consentono di progettare l’istituzione di un Istituto Tecnico Superiore della pelle. La Regione Veneto è pronta a lavorare in rete anche con le Regioni Campania e Toscana, che hanno produzioni diverse ma legate sempre al settore trainante della pelle “Made in Italy”, per creare un polo formativo di eccellenza, in grado di preparare e qualificare gli alti profili professionali del mondo della concia».