Medici di famiglia bando da 25 posti in provincia di Trento e da 100 in Emilia Romagna

Decolla il corso triennale di formazione in medicina generale. Per ogni corsista una borsa di studio di 28.000 euro. 

0
1368
medici neolaureati in ospedale

La carenza di medici di famiglia è sempre più marcata e ancora più lo sarà nel prossimo futuro con il progressivo pensionamento di tanti professionisti attualmente in servizio. Le regioni del NordEst corrono al riparo, bandendo nuovi concorsi per il corso triennale di specializzazione riservato ai laureati in medicina.

In provincia di Trento sono disponibili 25 posti per il corso triennale di formazione specifica in medicina generale 2018/2021, mentre in Emilia Romagna sono in lizza 100 posti. Per entrambi i concorsi è prevista anche una borsa di studio di circa 28.000 euro annui per gli ammessi alla frequenza.

Il bando, al quale possono partecipare i cittadini comunitari e non comunitari in possesso della laurea in medicina e chirurgia, prevede inoltre la corresponsione di una borsa di studio aggiuntiva a favore dei medici residenti da almeno due anni in un comune della Provincia di Trento che si impegnano, fino a due anni, a seguito del conseguimento del diploma di medico di medicina generale, a lavorare nel Servizio sanitario trentino come medici nell’assistenza territoriale. Tale borsa di studio a favore dei trentini aggiuntiva, rispetto a quella già prevista per tutti i medici dalla normativa nazionale, rappresenta un intervento specifico della Provincia di Trento volto a promuovere a livello locale la professione del medico di medicina generale.

Il corso triennale a tempo pieno, per una durata complessiva di 4.800 ore, inizierà entro il mese di novembre 2018 ed abiliterà all’esercizio della professione di medico di medicina generale. In quanto concorso nazionale, gestito con le stesse procedure in ogni Regione, non è ancora possibile presentare le domande di iscrizione al concorso. Il termine di 30 giorni per la presentazione delle stesse decorre infatti dalla pubblicazione del bando per estratto, a cura del ministero della Salute, nella Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana.