Olimpiadi invernali 2026, resi noti i candidati al vertice dell’evento

Completato l'ingresso del governo e delle province di Bolzano e Trento nell'organizzazione delle Olimpiadi. Il 6 novembre a Roma incontro con il Ministro Spadafora per la legge olimpica. 

0
146
olimpiadi invernali 2026
La riunione del Comitato d'indirizzo delle Olimpiadi Invernali 20206 Milano-Cortina.

Si è riunito a Milano il Comitato di indirizzo (CIC) delle Olimpiadi invernali 2026 Milano-Cortina che ha visto il completamento della propria compagine con l’ingresso del governo e delle province di TrentoBolzano che hanno preso l’impegno di assicurare le relative garanzie finanziarie per l’evento olimpico.

Alla riunione hanno partecipato il ministro per le Politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, i sindaci di Milano (Giuseppe Sala) e Cortina (Gianpietro Ghedina), i presidenti delle regioni Lombardia (Attilio Fontana) e Veneto (Luca Zaia), i presidenti delle province di Trento (Maurizio Fugatti) e Bolzano (Arno Kompatscher).

Nell’incontro è stato confermato che il prossimo 5 novembre si svolgeranno i previsti colloqui tra i candidati al ruolo di amministratore delegato della Fondazione olimpica, dove sono in lizza Alberto Baldan, Tom Mockridge e Vincenzo Novari, con Stefano Domenicali possibile outsider, e alcuni rappresentanti del CIC. Le risultanze saranno portate il giorno successivo all’attenzione dei componenti del futuro Comitato organizzatore (OCOG). Tale incontro si svolgerà nella sede del ministero dello Sport il 6 novembre. In quell’occasione si procederà anche alla formalizzazione dello Statuto, le cui linee sono state individuate nella riunione milanese di comune accordo tra le parti e che sarà stilato dai tecnici, oltre a completare definitivamente il confronto sugli elementi che daranno vita al testo della legge olimpica.

Intanto, la provincia di Bolzano ha presentato un disegno di legge per finanziare la partecipazione altoatesina alle Olimpiadi Invernali 2026, proponendo lo stanziamento di 950.000 euro: di questi, 500.000 euro rappresentano la quota di adesione alle Olimpiadi invernali 2026, mentre per garantire il funzionamento degli organismi che cureranno l’organizzazione dei Giochi saranno messi a disposizione 150.000 euro l’anno per il triennio 2020-2022. L’Alto Adige sarà per la prima volta sede di alcune prove delle Olimpiadi grazie ad Anterselva, località prescelta per ospitare il biathlon.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata