Corridoio del Brennero: alleanza tra Assoimprenditori Alto Adige e la bavarese Vbw

Le due associazioni imprenditoriali chiedono agli stati e all’Unione europea di garantire un commercio libero e senza blocchi, ambientalmente sostenibile.

0
150
corridoio del brennero
Corridoio del Brennero: Federico Giudiceandrea (a sx) e Wolfram Hatz firmano l'alleanza.

Vertice a Bolzano tra Assoimprenditori Alto Adige e Vbw-Vereinigung der bayerischen Wirtschaft sul tema del trasporto merci attraverso i vari stati europei che si affacciano sulla direttrice del corridoio del Brennero.

Secondo le due organizzazioni imprenditoriali è necessaria una soluzione sostenibile per il trasporto merci lungo il corridoio del Brennero, alla quale si può arrivare solo attraverso la forza innovatrice delle imprese e lo sviluppo tecnologico e non attraverso divieti.

I consigli di presidenza delle due associazioni nella riunione congiunta di Bolzano hanno più volte sottolineato il forte legame reciproco. In particolare, riguardo alla restrizione del traffico di transito lungo il corridoio del Brennero, è stata sottolineata la necessità di un forte impegno comune per garantire il libero scambio di merci e allo stesso tempo ridurre l’impattoambientale, hanno ribadito i due presidenti Federico Giudiceandrea (Assoimprenditori Alto Adige) e Wolfram Hatz (Vbw). A questo proposito è stata firmata una dichiarazione congiunta, il cui obiettivo centrale è mantenere la libera circolazione delle merci lungo il corridoio del Brennero.

corridoio del brennero
I consigli di presidenza di Assoimprenditori Alto Adige e di Vbw-Vereinigung der bayerischen Wirtschaft.

Le misure decise dal Tirolo per limitare il transito dei mezzi pesanti come il progettato ampliamento dei divieti di transito settoriale, il “dosaggio” dei TIR in Tirolo e la prevista estensione del divieto di transito notturno anche ai TIR a norma Euro 6 penalizzano fortemente la libera circolazione delle merci lungo il corridoio del Brennero. È necessario piuttosto trovare una soluzione sostenibile che non si basi su divieti, ma che punti su soluzioni innovative volte a ridurre le emissioni.

Come hanno sottolineato Giudiceandrea e Hatz, è necessario potenziare le capacità dei collegamenti ferroviari e dei relativi terminal. Va realizzato al più presto l’accesso nord del tunnel di base del Brennero e devono essere potenziati i collegamenti ai terminal in Germania, Italia e Austria e ampliate le loro capacità.

Va inoltre considerato l’apporto strategico derivante dallo sviluppo tecnologico grazie al quale già negli ultimi anni è stato possibile ridurre notevolmente le emissioni dei veicoli commerciali. L’economia contribuisce quindi già oggi in modo determinante alla riduzione della concentrazione di sostanze nocive nell’aria. Incentivare questo sviluppo è una strategia più efficace rispetto ai divieti generalizzati, concordano entrambe le associazioni.

Assoimprenditori Alto Adige e l’associazione bavarese Vbw fanno appello al Tirolo, affinché non venga attuato l’inasprimento del divieto di trasporto settoriale. Anche riguardo agli altri numerosi divieti già in vigore in Tirolo è necessario trovare alternative migliori. Germania, Austria e Italia sono chiamate a lavorare a soluzioni comuni e anche le imprese sono pronte a dare il loro contributo attraverso la loro forza innovatrice.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata