Teatri del NordEst insieme per una stagione sul divano di casa

Avviato un programma di offerta in digitale per regalare al pubblico intrattenimento nei fine settimana di permanenza obbligata a casa. 

0
1776
teatri del nordest

In attesa di ritornare “dal vivo”, i teatri del NordEst (il Teatro Stabile di Bolzano, il Rossetti, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e il Teatro Stabile del Venetouniscono le forze e inaugurano una tournée digitale per regalare fine settimana di intrattenimento a tutto il pubblico di amanti del teatro.

In occasione dell’odierna Giornata Mondiale del Teatro, ogni venerdì, sabato e domenica alle ore 20.00, i tre teatri del NordEst trasmetteranno in streaming sui propri canali YouTube il video integrale di uno spettacolo teatrale precedentemente registrato.

A dare il via all’iniziativa questa sera è una produzione dello Stabile di Bolzano, “Moliére. La Recita di Versailles” scritto da Paolo Rossi e Giampiero Solari, che ne ha curato anche la regia, su canovaccio di Stefano Massini, che sarà disponibile sulla piattaforma YouTube del teatro per tutti gli spettatori.

Il programma prosegue poi sabato 28 marzo con il Teatro Stabile del Veneto che presenta il secondo appuntamento della Trilogia dei commedianti di Stivalaccio Teatro, “Romeo e Giulietta”, mentre a chiudere il primo fine settimana di tournée digitale sarà “La guerra” di Carlo Goldoni con la regia di Franco Però, presentato domenica 29 dal Rossetti.

Una proposta che continua anche nei prossimi fine settimana di quarantena da Coronavirus: dopo il Moliére di Paolo Rossi, lo Stabile di Bolzano propone “Tempo di CHET. La Versione di Chet Baker” che ha visto fondersi – grazie alla regia di Leo Muscato – teatro, musica jazz composta e interpretata dal vivo da Paolo Fresu e storia del jazz in un unico spettacolo, mentre oltre all’ultimo appuntamento della Trilogia dei commedianti di Stivalaccio, “Il malato immaginario”, lo Stabile del Venetomette a disposizione di tutti gli spettatori “I rusteghi”, una delle commedie più fortunate di Carlo Goldoni nella versione diretta Giuseppe Emiliani.

Ad arricchire la programmazione dei teatri del NordEst è l’iniziativa dello Stabile bolzanino che, nell’anno in cui festeggia i 70 anni, partecipa a questa inedita stagione mettendo a disposizione del pubblico una collana di “audiospettacoli” che ripercorrono gli ultimi decenni di storia. Ogni martedì e ogni sabato fino al 30 maggio sulla pagina del sito www.teatro-bolzano.it/podcast, il TSB mette a disposizione un podcast per ascoltare alcuni degli spettacoli di maggior successo creati a Bolzano e presentati in tour nei principali teatri d’Italia.

L’ascolto delle parole dei testi teatrali avvolge, accompagna, lascia spazio all’immaginazione e alla fantasia, conduce a riflessioni, amplia gli orizzonti anche e soprattutto in questo periodo di quarantena. Rivivono in questa maniera grandi classici e testi contemporanei in un percorso sinuoso nella vita del Teatro Stabile di Bolzano che porta dall’“Amleto” del 1973 al “Macbeth” del 2019, passando per “Il Gabbiano”, “La brigata dei cacciatori”, “La pulce nell’orecchio”, “Ciò che non può dire. Il racconto del Cermis”, “La Rosa Bianca”, “Coppia aperta quasi spalancata”, “Medea”, “Exit”, e “Enrico IV”, solo per citare alcuni titoli.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata