“Nadal Furlan”: a Bordano l’assegnazione dei premi 2020

Zanin: «suor Fides esempio di solidarietà nelle crisi».

0
719
nadal furlan
Premio "Nadal Furlan" 2020. Da sx: da sx Ivana Bellina sindaco di Bordano, pres Cr FVG Piero Mauro Zanin, suor Fides, assessore Cultura comune di Byuja, Alberto Guerra e Aldo Calligaro presidente del Circolo culturale Laurenziano.

Neppure il maltempo e la pandemia da Covid-19 fermano le assegnazioni del premio “Nadal Furlan2020, istituito nel 1979 per dare un riconoscimento a coloro che hanno contribuito a onorare il Friuli Venezia Giulia distinguendosi per impegno umanitario piuttosto che artistico, comunque ispirato ai valori cristiani e a servizio della comunità, in particolare friulana.

Quattro i vincitori del “Nadal Furlan2020, organizzata come sempre dal Circolo culturale Laurenziano di Buja presieduto da Aldo Calligaro, con il patrocinio della Regione, del comune di Udine e dell’Arcidiocesi udinese: la commissione giudicatrice presieduta da Maurizio Piemonte ha assegnato il riconoscimento a monsignor Diego Causero, suor Fides (al secolo Jolanda Bertoldi), il professor Giuseppe Bergamini e lo scrittore Paolo Maurensig.

Nella chiesa di quella che da maggio 1976 è la “sua” Bordano, è stata premiata suor Fides, per il suo impegno durante il terremoto e soprattutto durante il duro periodo della ricostruzione, quando essere ancora saldi nella fede era difficile come avere la casa intatta. E per quelle parole piene di speranza che, oggi come allora, ha per coloro che hanno bisogno di conforto.

«Qui si celebrano i valori della solidarietà e di quel Friuli cristiano che è nelle nostre origini e che ha permesso alla nostra terra di saper superare tantissime prove, sempre tenendo saldi principi quali famiglia, rigore, etica – ha detto il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin -. Assegnare un premio sulla base di questi valori è un lascito importante di insegnamento alle nuove generazioni».

Il pensiero di Zanin è poi andato al sisma del 1976 e alle sue 990 vittime: «a oggi la pandemia da Covid-19 ha causato oltre mille morti in Friuli Venezia Giulia, più di quelli del terremoto, e tutti sappiamo che sono soprattutto persone anziane. Ciò significa che un’intera generazione di testimoni, di custodi di una tradizione e di una civiltà friulana che avevamo, sono andati perduti. Allora il significato del premio a suor Fides ha il sapore anche di un messaggio di solidarietà per il futuro. Noi che ci eravamo abituati a vivere all’insegna del consumismo, questa pandemia forse ci sta aiutando a riscoprire altro – ha aggiunto Zanin -, ciò che eravamo, quando essere parte di un piccolo paese era far parte di una unica famiglia. Noi abbiamo una memoria a cui guardare, così come alle cose semplici che ci hanno formati, per trovare l’energia per superare le grandi situazioni difficili di oggi; dalle piccole cose ricavare un grande sentimento di solidarietà come quello che ci ha caratterizzati durante il sisma».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata