Covid-19, primo caso variante inglese in Alto Adige

Vienna valuta l’isolamento dell’intero Tirolo per la diffusione della variante sudafricana. Gimbe, forte incremento della diffusione della pandemia in Alto Adige.  

0
3362
covid-19 sfingosina-1-fosfato
il coronavirus visto al microscopio elettronico.

In Alto Adige la diffusione del Covid-19 è lungi dall’essere fermata, mentre si registra il primo caso della variante inglese a Lana e ora l’Azienda sanitaria provinciale ha avviato una serie di test diffusi.

Il rapporto Gimbe documenta una forte crescita dei casi Covid-19 in Alto Adige dove si registra il valore più alto in Italia con un incremento del 10,1%, contro il 5,1% della confinante provincia di Trento. 

I casi testati per 100.000 abitanti in Alto Adige sono 1.141, mentre in Trentino 355. Il rapporto positivi e casi testati in Alto Adige è del 62,1% e in Trentino 70,1%. In provincia di Bolzano il 42% dei posti letto sono occupati da pazienti Covid (34% in terapia intensiva), mentre in quella di Trento il 29% (38% in terapia intensiva). 

Bassissima – secondo il rapporto Gimbe – è la percentuale di operatori sanitari e socio sanitari vaccinati in Alto Adige (37%), mentre è molto elevata invece la percentuale degli “over 80 già vaccinati (25%) contro il 4% in Valle D’Aosta e il 2% in Trentino e nel Lazio.

Se in Alto Adige c’è il primo caso sospetto di variante inglese, in Tirolo è allarme rosso per la variante sudafricana. Il governo austriaco sta valutando l’isolamento dell’intero land Tirolo a causa del diffondersi della variante sudafricana. Secondo il ministro alla salute, Rudolf Anschober, «la situazione è seria». La virologa Dorothee von Laer, dell’università di Innsbruck, ha invece chiesto l’isolamento del Tirolo per un mese per evitare «un secondo caso Ischgl». 

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, consultate i canali social:

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata