Gravi danni alla pericoltura emiliano romagnola causa siccità e maltempo

Confagricoltura: a picco i ricavi delle aziende produttrici.  

0
795
pericoltura emiliano romagnola

Siccità, caldo torrido e bombe d’acqua infliggono un altro duro colpo alla pericoltura emiliano romagnola, dove tra le province di Ferrara, Modena, Bologna e Ravenna si concentra oltre il 70% della produzione italiana: i frutti raccolti sono più piccoli del passato, cotti dal sole o comunque non commerciabili a causa di spaccature e altre anomalie.

La produzione stimata per la campagna 2022 è in calo del 10% sul 2020 (nel 2021 il raccolto regionale era stato fortemente compromesso dalle gelate). Soprattutto cadono a picco i ricavi delle aziende produttrici, con una flessione pari al 30% e anche oltre per alcune varietà medio tardive – tra cui Williams che è molto diffusa – visto l’andamento commerciale che va via via peggiorando.

Dall’indagine di Confagricoltura Emilia Romagna, che ha chiesto con altre organizzazioni un tavolo alla Regione, si evince infatti che il 55% delle pere varietà Carmen consegnate è di piccolo calibro, +55/65 (nel 2020 era il 44%), come pure il 50% delle pere varietà Santa Maria (nel 2020 era il 31%).

Lo “scartato” – quella parte di prodotto non adatta alla vendita diretta perché’ non perfetta, quindi destinataall’industria di trasformazione – è notevolmente superiore ai quantitativi delle annate precedenti, tale da raggiungere il 25% del totale conferito della pericoltura emiliano romagnola (nel 2020 era solo il 15%).

«Il costo del gasolio agricolo è raddoppiato; il costo della risorsa idrica e dell’irrigazione è cresciuto di sei volte tanto», spiega Confagricoltura con il presidente dei frutticoltori dell’Emilia Romagna, Marco Piccinini. Non solo: si allarga la forbice tra i prezzi al campo e quelli sui banchi del supermercato. «Oggi il consumatore compra a prezzi dieci volte superiori rispetto a quanto riconosciuto all’agricoltore – dice Piccinini -. Negli altri settori il produttore stabilisce il prezzo di vendita, ma in agricoltura no: commercianti e Gdo dettano le leggi del mercato e fissano il prezzo da pagare al coltivatore. E’ una legge del “taglione”, ma nessuno ne parla, neanche alla vigilia delle elezioni politiche».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata