“Bianco & Nero”: Fratoianni, Bonelli & Soumahoro, che vergogna!

La corsa al candidato bandiera ha giocato un brutto scherzo alla sinistra che si è trovata in casa un impresentabile. Il governo Meloni da un lato taglia la rivalutazione delle pensioni oltre 2.200 euro; dall’altro riconosce a tutti i dipendenti l’aumento di stipendio, compresi gli alti dirigenti. La sentenza della Corte costituzionale sull’obbligo vaccinazione Covid.

0
352
Bianco & Nero

Questa puntata de il “Bianco & Nero“, l’appuntamento settimanale con le riflessioni dell’esperto in comunicazione e analisi politica, Gianfranco Merlin, e del direttore de “il NordEst Quotidiano“, Stefano Elena, si apre con il caso Soumahoro, ovvero l’elezione a cura dell’alleanza di Sinistra Italiana e Verdi del candidato sindacalista dei braccianti agricoli in un collegio blindato dell’Emilia nelle fila del Pd sta coprendo di vergogna i due ascari della sinistra ambientalista, che si sono incaponiti su un candidato bandiera credendo che costui portasse loro tanti voti. Voti che non sono piovuti con la copiosità attesa, ma in compenso l’elezione di Soumahoro alla Camera – da ricordare il suo ingresso al Parlamento nella giornata d’insediamento con completo di rigore, ma con ai piedi un paio di gambali verdi inzaccherati di fango – sta portando alla premiata ditta Fratoianni & Bonelli rogne a non finire.

Ti piace “Bianco & Nero”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

Da quando è stato eletto, attorno al neo deputato che avrebbe dovuto essere l’espressione degli ultimi, si è aperto il classico scandalo di mala gestione di soldi pubblici che – è bene ribadirlo – non riguarda direttamente la persona del neo deputato, ma la sua compagna e la di lei madre, che secondo quanto sta emergendo dalle indagini in corso su due cooperative gestite dalla di luisuocera” (tra virgolette, in quanto pare che non ci sia alcun matrimonio legalmente stipulato tra il neodeputato e la sua compagna), la Karibou e il Consorzio Aid, avrebbero intascato in una decina d’anni la bella cifra di 64 milioni di euro per assicurare l’assistenza agli immigrati e il loro sostegno lavorativo. Il tutto senza alcuna organizzazione gestionale da parte delle due cooperative beneficiarie dove, secondo quanto sta emergendo dalle indagini della magistratura, parrebbe che le due uniche figure attive all’interno di entrambe le due società sarebbero state la “suocera” di Soumahoro, la compagna e il “cognato” (il fratello della compagna).

Davvero un esempio eclatante di come si effettuino i controlli puntuali nella palude dell’assistenza agli immigrati, da sempre riserva di caccia delle organizzazioni vicine al mondo della sinistra. E il bello -anzi, il brutto – è che Fratoianni & Bonelli non si sono minimamente preoccupati delle segnalazioni loro pervenute – anche da fonti autorevoli, come i parroci e i sindacalisti – circa il rischio di candidare un personaggio tutt’altro che cristallino. Soprattutto, Fratoianni, da buon esponente della sinistra al cachemire & caviale, era troppo occupato a fare eleggere al Parlamento la sua compagna per occuparsi di cosucce come il profilo discutibile e non inattaccabile di un candidato. Ma tant’è: Fratoianni, come tanti altri compagni, tiene famiglia e raddoppiare le entrate (30.000 euro al mese erogate dai cittadini elettori) era il suo obiettivo primario.

Ma, secondo il “Bianco & Nero“, a sbandare c’è pure il governo Meloni, che da una parte taglia la rivalutazione delle pensioni falcidiate da un’inflazione al galoppo oltre il 12%, per la parte che eccede i 1.500 euro netti al mese e, dall’altro, aumenta indistintamente gli stipendi dei dipendenti pubblici dell’1,5%, compresi gli alti e altissimi dirigenti da 250.000 euro lordi annui di stipendio. Qualcosa non quadra.

Infine, la sentenza della Corte costituzionale che ha sancito la legittimità dell’obbligo della vaccinazione Covid per molti pubblici dipendenti, con contestuale sospensione dal servizio e dallo stipendio per i renitenti al braccio. Una sentenza che ha stupito tanti, molti, che sospettano sia un provvedimento ispirato più dalle convinzioni di parte degli estensori che di reale difesa del diritto.

Buona visione de il “Bianco & Nero”.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Bianco & Nero”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/lMSjKpOwZg4?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

https://www.facebook.com/viviitaliatvwebtv

© Riproduzione Riservata