Il decreto “Energia bis” scarica su famiglie e Pmi le agevolazioni degli “energivori”

Boschetto: «sulle PMI venete un maggiore onere di quasi 100 milioni di euro per supportare i grandi consumatori».

0
408
decreto “Energia bis” Bolletta dell’energia elettrica mercato elettrico tutelato Caro-bollette bolletta luce energia elettrica

C’è preoccupazione per le norme contenute nel cosiddetto decretoEnergia bis” che rischiano di far pagare la transizione energetica delle grandi imprese industriali attraverso le bollette di famiglie e piccole imprese, confermando l’attuale, odiosa disparità.

«Consideriamo iniqua – afferma il presidente di Confartigianato Imprese Veneto, Roberto Boschetto – l’attribuzione agli oneri generali di sistema pagati in bolletta dalle piccole imprese e dalle famiglie dei costi per sostenere la produzione di energia rinnovabile delle grandi imprese energivore e la loro agevolazione. In questo modo, nel 2024, le PMI venete rischiano di dover sostenere un impatto di almeno 97 milioni di euro. Secondo questo meccanismo la transizione energetica si mette a carico quasi interamente alle micro, piccole e medie imprese. Si viene a creare un corto circuito vizioso per effetto del quale il mondo produttivo delle piccole imprese e quello delle famiglie pagano gli oneri generali di sistema di loro competenza, il costo delle agevolazioni per le imprese energivore e il costo di realizzazione degli impianti di grande taglia da fonti rinnovabili a loro destinati».

Senza le opportune, doverose modifiche, il decretoEnergia bisscaricherebbe sulle piccole imprese e famiglie sia l’agevolazione degli energivori (1,4 miliardi di euro all’anno) – fruizione condizionata al fatto che gli energivori coprano almeno il 30% del loro fabbisogno con fonti rinnovabili -, sia i grossi impianti di fonte rinnovabile degli energivori, senza i quali per altro, gli stessi non potrebbero usufruire dell’agevolazione.

Il conto di queste due misure per il 2024 è decisamente salato: circa 650 milioni di euro a carico delle famiglie e quasi 1 miliardo a carico delle Pmi. Il conto per gli impianti di grossa taglia, nei tre anni del provvedimento, è di 3,6 miliardi circa, che ricadranno poco più di un miliardo sui consumatori e 1,6 miliardi sulle piccole imprese.

La contraddizione del sistema si riverbera anche sul fronte dei consumi di energia: «alle micro, piccole e medie imprese – sottolinea Boschetto – viene imposto di pagare il 50% del totale degli oneri previsti per imprese industriali a fronte del 30% dei consumi totali effettivi: a questo ora si va ad aggiungere pericolosamente una norma che aumenterà in modo considerevole le loro bollette energetiche».

Da qui la legittima richiesta del mondo della piccola impresa – asse portante dell’economia italiana – alla politica per evitare una penalizzazione ingiusta e controproducente. Molto meglio sarebbe scaricare gli oneri di sistema sulla fiscalità generale, o applicarli pro quota, sulla base degli effettivi consumi, su tutti gli utilizzatori. Ne va di una banale questione di equità sociale ed economica.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata