Onelio Geatti nominato presidente dell’Associazione italiana di Medicina Nucleare (AIMN)

0
3104
Onelio Geatti Osp S maria Udine pres nazionale medicina nucleare renzo tondo tac 1
Onelio Geatti Osp S maria Udine pres nazionale medicina nucleare renzo tondo tac 1Prestigioso riconoscimento per il primario di Medicina nucleare dell’ospedale S. Maria della Misericordia di Udine

Al congresso dell’Associazione italiana di Medicina Nucleare (AIMN), che si svolge ogni due anni, il Onelio Geatti, primario di Medicina nucleare dell’Ospedale S. Maria della Misericordia di Udine, è stato nominato presidente nazionale. L’AIMN raggruppa tutti i medici nucleari italiani, quasi un migliaio, ed è strutturata con un presidente, un consiglio direttivo e i delegati regionali. Il dottor Geatti, delegato del Friuli Venezia Giulia, l’ha spuntata tra altri due concorrenti alla presidenza: il Emilio Bombardieri, direttore della Medicina nucleare del Centro Tumori di Milano, e Wanda Acampa dell’Università di Napoli.

Geatti ricoprirà la presidenza nazionale dell’associazione per due anni: un incarico prestigioso, reso ancor più importante da candidature qualificate, ma anche gravoso perché comporta una serie di impegni collegati all’evoluzione della medicina nucleare, che è alta tecnologia, in un periodo storico di risorse limitate.

“Le difficoltà non mi spaventano – ha dichiarato Geatti – semmai mi danno entusiasmo, carica e stimoli. Credo che la mia determinazione sia un presupposto per riuscire a non deludere le aspettative e la stima che mi sono state riconosciute. Questo incarico è di prestigio per la nostra azienda e per la nostra città”.

Onelio Geatti Osp S. maria Udine pres nazionale medicina nucleare 1L’AIMN si occupa di tutte le problematiche della disciplina, che spaziano da aspetti di carattere amministrativo come il nomenclatore tariffario, quindi il rimborso delle prestazioni, ad aspetti ancor più rilevanti come la formazione e l’aggiornamento degli iscritti. L’associazione organizza corsi e congressi per la formazione e dà il proprio patrocinio alle iniziative di valore. Il suo scopo è innanzitutto quello di favorire la crescita della disciplina, la formazione dei medici al fine di far conoscere meglio le potenzialità e l’appropriatezza d’impiego delle procedure. L’obiettivo finale è quello di migliorare la qualità del servizio reso al paziente.

“Più faccio conoscere quali sono le indicazioni all’uso – spiega il dottor Geatti – e più posso presumere che il paziente abbia il meglio. Il che significa: fare gli esami giusti e non farli quando non sono appropriati”.

Onelio Geatti è primario da vent’anni: dal 1993 al 2001 è stato primario della Medicina nucleare dell’Azienda ospedaliera universitaria ospedali riuniti di Trieste. Nel 2001 è ritornato a Udine come direttore della SOC di Medicina nucleare alla quale afferisce la diagnostica della società CT-PET, assumendo anche l’incarico di direttore del Dipartimento di scienze radiologiche, ora Dipartimento di diagnostica per immagini. Il dottor Geatti ha iniziato l’attività lavorativa nel 1975, con un intervallo di una anno tra il 1984 e il 1985 all’Università del Michigam, presso la quale ha approfondito lo studio della medicina nucleare grazie a una borsa di studio della Lega friulana per la lotta contro il cancro.