Marilisa Allegrini nuova presidente delle Famiglie dell’Amarone

0
448
Marilisa Allegrini presidente famiglie dellamarone Zaia 1
Marilisa Allegrini presidente famiglie dellamarone Zaia 1La nomina in occasione del Vinitaly. Zaia e Donazzan presenti all’elezione

Il presidente del Veneto Luca Zaia e l’assessore al lavoro e formazione Elena Donazzan hanno voluto personalmente salutare Marilisa Allegrini, titolare della omonima azienda di Fumane, in provincia di Verona, appena nominata presidente delle Famiglie dell’Amarone. “Abbiamo voluto congratularci – ha ricordato Donazzan – con una signora del vino che saprà guidare con classe e determinazione l’associazione. Ho voluto anche così testimoniare la mia vicinanza, come assessore al lavoro del Veneto, al settore del vino, che è testimonial dell’Italia che conta nel mondo e di tanti posti di lavoro. Da donna le rendo omaggio con una rosa rossa simbolo dell’Amarone”.

Zaia si è unito alle congratulazioni, ricordando il ruolo fondamentale che le donne stanno svolgendo nel mondo del vino e nel settore agricolo in generale. “L’unico settore occupazionale che regge nel Veneto, in questo momento di crisi – ha sottolineato dal canto suo Elena Donazzan – è proprio quello vitivinicolo. E’ un comparto che rappresenta solo il 3 per cento dell’occupazione, ma dobbiamo considerare che a questa percentuale si aggiunge un indotto enorme e dobbiamo ragionare su volumi assai più complessi se pensiamo che muove export, turismo, accoglienza, ristorazione e così via. Per questo, con gli l’assessori Manzato e Finozzi, abbiamo fatto un accordo quadro che ha mosso i primi passi nell’ambito della formazione ,ponendo la preparazione degli operatori turistici al centro di un progetto di promozione che coniuga accoglienza e professionalità. Cerchiamo di costruire e formare la sensibilità dell’accoglienza nei giovani operatori turistici. Il tavolo è aperto e di recente Confindustria ci ha chiesto di lavorare su un progetto per far diventare il Veneto la regione del sorriso, che significa l’accoglienza ancor prima delle strutture che – ha concluso l’assessore – restano vuote se non si accoglie come ospite e non semplicemente come cliente quanti scelgono il Veneto come meta”.