Mag, presentato il programma delle attività primaverili del museo gardesano

0
453
Mario Raciti Benacus 2015 tecnica mista su carta 70 x 100 cm 1
Mario Raciti Benacus 2015 tecnica mista su carta 70 x 100 cm 1Dal 15 marzo in programma tre mostre: “Il tempo e l’istante”, “Natura Oltre. Visioni di Mario Raciti sul paesaggio dell’Alto Garda” e “L’ultimo giorno di pace. 27 luglio 1914”

Dopo la pausa invernale, il 15 marzo 2015 riaprirà il Museo di Riva del Garda con i suoi spazi espositivi permanenti dedicati alla Pinacoteca, all’Archeologia e alla Storia, con le mostre temporanee che accompagneranno visitatori e visitatrici attraverso il nuovo anno e con le consuete attività di ricerca e di coinvolgimento della popolazione nella fruizione culturale.

Lo sguardo sul paesaggio storico e contemporaneo – indagato dalle diverse angolature che comprendono le discipline della fotografia, della pittura, del disegno e della ricerca storico-scientifica – è una delle impronte più marcate che contraddistinguono l’attività espositiva e di ricerca del MAG.
L’inaugurazione della stagione 2015 è prevista per sabato 14 marzo 2015 alle ore 18.00, quando il Museo di Riva del Garda svelerà il primo nucleo di mostre temporanee ideate per l’anno in corso.
Cima Penegal al Passo della Mendola 1909 cartolina collezione Fabio Bartolini new 1Al piano terra della Rocca sarà allestita una mostra dedicata ai paesaggi fotografici del Garda da metà Ottocento fino agli anni Duemila, dal titolo “Il tempo e l’istante” (15.03-01.11 2015), a cura di Layla Betti, Claudia Gelmi, Sara Vicenzi: un excursus lungo oltre un secolo dentro l’ambiente naturale, la società, il turismo e le loro trasformazioni, restituito attraverso le immagini raccolte nel vasto archivio fotografico del MAG, che spaziano dai grandi fotografi dei secoli scorsi come Napoleone Segatini, Giorgio Sommer, Alois Beer, Augusto Baroni, Giovanni Battista Unterveger, Pietro Floriani, fino agli autori contemporanei quali Gabriele Basilico, Jordi Bernadó, Luca Campigotto, John Davies, Mimmo Jodice, Martin Parr, Bernard Plossu e Massimo Vitali.
Nella Pinacoteca del Museo verrà presentata la mostra “Natura Oltre. Visioni di Mario Raciti sul paesaggio dell’Alto Garda” (15.03-12.07 2015), a cura di Claudio Cerritelli: l’artista milanese proporrà una serie di opere inedite ispirate ai luoghi gardesani, proseguendo il progetto del MAG dedicato alla pittura e al disegno del paesaggio, iniziato lo scorso anno con l’interpretazione del territorio dell’Alto Garda da parte di Tullio Pericoli.
La sezione Storia del Museo ospiterà “L’ultimo giorno di pace. 27 luglio 1914” (15.03-28.06 2015), a cura di Quinto Antonelli, Fabio Bartolini, Mauro Grazioli, Mirko Saltori. Organizzata in collaborazione con la Società di Studi Trentini di Scienze Storiche, la mostra sarà integrata in questa sua esposizione rivana da un nucleo di approfondimenti sulla vita politica e sociale nelle comunità del Basso Sarca.
Un secondo momento espositivo avrà luogo nell’estate 2015, quando la Pinacoteca del Museo di Riva del Garda si arricchirà di tre nuove mostre. “Assorti nel paesaggio. Pittori nordici sul Garda tra ‘800 e ‘900” è il titolo della mostra che andrà a valorizzare la sezione di pittura del paesaggio della Pinacoteca, realizzata in sinergia con la Soprintendenza per i beni culturali della Provincia di Trento.
Sempre sul filo della collaborazione con il Mart, proseguiranno poi i progetti “Der Blitz”, che con la mostra “Supernova” (05.09-01.11 2015) instaurerà un confronto tra interventi di arte contemporanea e le opere della collezione del MAG, e In Pinacoteca. Finestre sul contemporaneo, che darà corpo alla mostra curata da Daniela Ferrari Oltre il confine della tela (18.07-01.11 2015).
Il percorso sul contemporaneo nell’Alto Garda curato da Denis Isaia e Federico Mazzonelli Der Blitz, vedrà un’anteprima il 14 marzo 2015, quando il video dell’artista Angelo Morandini La voce di Red si porrà in relazione, nel corso del vernissage, con la mostra fotografica “Il tempo e l’istante”.