Friuli Venezia Giulia: il centro destra schiera Tondo per la presidenza della Regione

0
489
Renzo Tondo (Presidente Friuli Venezia Giulia) alla Scuola Mosaicisti del Friuli di Spilimbergo. (Spilimbergo 29/09/08)

Svolta nella serata con un comunicato in cui si ringraziava Fedriga della disponibilità, ribadita ancora nella mattinata. Lega. Se Tondo sarà eletto, nel collegio giuliano gli elettori dovranno tornare alle urne per eleggere un nuovo deputato

Dopo una giornata tra dichiarazioni di disponibilità del leader regionale della Lega Nord, Massimiliano Fedriga, vincitore delle elezioni del 4 marzo scorso, a guidare la Regione alle elezioni amministrative del prossimo 29 aprile, in serata è arrivato il colpo di scena con cui quella che era stata lanciata da Forza Italia il giorno prima, tra la sorpresa dei più (ad iniziare da quella di Fratelli d’Italia), era la conferma: il centro destra ha trovato la “quadra” sulla figura dell’ex presidente e neo eletto deputato di Forza Italia Renzo Tondo, che sfiderà il vicepresidente regionale uscente Dem, Sergio Bolzonello, e Alessandro Fraleoni Morgera del M5S.

Per Tondo si tratta di una sorta di ritorno alle origini, visto che è stato già al vertice della regione per due mandati, dal 2001 al 2003 e dal 2008 al 2013, sconfitto per un pugno di voti dalla “meteora” Debora Serracchiani che visti i risultati conseguiti durante la sua legislatura ha preferito non tentare il bis, a sua volta battuta nettamente da Tondo nella disfida per la Camera nel collegio uninominale dello scorso 4 marzo, costringendo la ex presidente della Regione Dem ad un prolungato batticuore, visto che solo all’ultimo è stata recuperata ed eletta nel listino proporzionale.

Per Tondo si prospetta una sorta di sacrificio personale per il bene dell’alleanza di centro destra: «sono orgoglioso e sereno, è prevalso il senso di responsabilità. Sul piano delle scelte personali avrei preferito stare a Roma ma, per come si stavano mettendo le cose nel centrodestra, ho accettato la candidatura». Sul nome di Tondo è confluito il consenso di tutte le parti della coalizione. «Non mi tremano i polsi – ha aggiunto Tondo – ma qualche preoccupazione ce l’ho: tornare qui con i problemi che ci lascia Debora Serracchiani e con una macchina regionale in difficoltà. So cosa vuol dire».

Per Fedriga, fino all’ultimo in lizza per guidare il centro destra alle elezioni regionali – e per questo si era premunito di candidare solo nel proporzionale per evitare di dover chiamare gli elettori nuovamente alle urne nel caso di sua elezione in Regione coem invece accadrà con Tondo – una nota dell’ufficio stampa della Lega Nord: «ringraziando Massimiliano Fedriga per la sua disponibilità a candidarsi alla guida della sua Regione, gesto di generosità che ha avuto il merito di ricompattare un centrodestra che fino ad oggi non aveva trovato una posizione comune, sosteniamo la candidatura del già governatore Renzo Tondo per liberare finalmente questa splendida regione dal malgoverno del Pd e dell’accoppiata Serracchiani-Bolzonello. Lunedi 19 marzo Matteo Salvini sarà a Udine per ringraziare gli elettori dello straordinario risultato del 4 marzo che ha visto la Lega primo partito con il 26% dei voti e per lanciare la campagna elettorale del Friuli Venezia Giulia per il rinnovo del governo regionale il 29 aprile».