Stop al finto Asiago DOP prodotto tra Cile e USA

L’UE, su richiesta di Coldiretti e Consorzio dell’Asiago Dop, ha vinto la battaglia per la tutela dell’eccellenza casearia veneto trentina. 

0
688
formaggio asiago dop

Il formaggio Asiago DOP rimane italiano e non avrà cloni non certificati con questo nome: grazie a un’operazione coordinata tra i vari consorzi tutela e Coldiretti, l’eccellenza casearia veneto-trentina è riuscita a respingere l’assalto dello statunitense Consortiumof Common Food Names (Ccfn), che ha cercato di registrare i marchi “Asiago”, “Parmesan” e “Bologna” nella Gazzetta ufficiale del Cile.

La Commissione UE, dopo la sollecitazione di Coldiretti e le interrogazioni firmate dagli eurodeputati leghisti Mara Bizzotto e Gianantonio Da Re, ha denunciato la registrazione dei marchi in nome della tutela delle indicazioni geografiche.

«La Commissione ha informato i gruppi di produttori interessati e le autorità nazionali competenti – ha detto il commissario europeo per l’agricoltura e lo sviluppo rurale, Janusz Wojciechowskiinvitandoli a presentare opposizione formale. La tutela delle indicazioni geografiche costituisce una priorità chiave nell’ambito degli attuali negoziati per l’aggiornamento dell’accordo di associazione UE-Cile».

Il valore delle indicazioni geografiche protette per l’Unione europea ammonta a 74,76 miliardi di euro, di cui un quinto derivantedalle esportazioni al di fuori dell’Unione europea. Motivo in più per impegnarsi nella tutela dei prodotti agroalimentari comunitari.

«Contro lo scippo delle eccellenzeMade in Italy” occorre porre in atto le dovute contromisure – puntualizza Coldiretti Vicenza -.Sarebbe stato un colpo basso al patrimonio agroalimentare e un affronto a tutti i produttori zootecnici regionali che lavorano per la qualità, rispettando disciplinari e mantenendo una realtà casearia di assoluta eccellenza».

«Lo stesso commissario Wojciechowsk – aggiunge Coldiretti Veneto – indica la malafede alle varie domande di registrazione di marchi che comprometterebbero il sistema di tutela delle Ig. Il Cile dapprima ha introdotto il bollino nero in etichetta che sconsiglia di fatto l`acquisto di prodotti dall’Italia, mentre il Ccfn è la lobby dell’industria casearia americana che produce i falsi formaggi italiani negli Usa e che aveva già chiesto al Governo degli Stati Uniti di imporre tasse alle importazioni di prodotti europei al fine di favorire il falsoMade in Italy”».

Soddisfazione per il risultato viene espressa dal Consorzio tutela formaggio Asiago dop: «in Cile è stata premiata fazione proattiva del Consorzio – afferma il direttore, Flavio Innocenzi – che dal 2017 ha registrato Asiago come marchio e dal 2018 è riconosciuta come denominazione d’origine. In questi anni ci siamo costantemente opposti con azioni legali, sempre con successo, ai tentativi di usurpazione. Nel frattempo ci siamo attivati per la promozione internazionale, a tutto vantaggio dell’export della nostra produzione».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata.

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata