Riportare i cittadini al centro dei processi politici e democratici

Giugni: «la partitocrazia ha privato gli elettori del diritto reale di scelta e di indirizzo della politica». 

0
173
riportare i cittadini

Riportare i cittadini al centro dei processi politici e democratici oggi accentrati in troppe poche mani, i segretari di partito, e ridarli al popolo, ad iniziare dal diritto di scegliere i propri rappresentanti e non di votarli a scatola chiusa come avviene con l’attuale, sconcertante, sistema elettorale: questo il primo impegno di Giovanna Giugni, candidata al Senato nel collegio di Rovereto, Vallagarina, Alto Garda e Giudicarie per Italia Sovrana e Popolare in questa intervista speciale a “Focus Trentino” di “ViViItalia Tv” del direttore de “il NordEst Quotidiano”, Stefano Elena.

Ti piace “Focus”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Riportare i cittadini al centro della scena politica e delle principali decisioni strategiche del Paese è per Giugni fondamentale: «ne va della democrazia e della trasparenza delle scelte che coinvolgono tutti noi» dice Giugni che nel collegio si confronta con altre due candidate espressione delle coalizioni di centro destra e di centro sinistra invotabili, esempio concreto della partitocrazia, del voltagabbanismo e del carrierismo politico solo a fini personali. Di fatto, Giugni si propone agli elettori del basso Trentino come una concreta alternativa dove si premia la coerenza politica e un impegno pubblico fatto solo all’insegna dei diritti dei cittadini.

Nel corso dell’intervista, la candidata di Italia Sovrana e Popolare un giudizio dell’Autonomia speciale di cui tutti parlano ma ben pochi operano, tanto che quella del Trentino durante gli anni della gestione Lega è scivolata indietro, assurgendo più a mera gestione del potere che a capacità di incidere sulla qualità dell’autogoverno per aumentare l’efficienza e ridurre gli sprechi.

Giugni, da esponente di un partito antisistema e contrario ai lacci e vincoli imposti dagli organismi comunitari, esamina gli effetti degli accordi internazionali sottoscritti dall’Italia, dove i governanti degli ultimi vent’anni almeno hanno brillato per non difendere gli interessi nazionali, delle famiglie e delle imprese italiane, con il risultato che oggi il Paese si trova privo di una seria politica energetica e con costi di approvvigionamento decisamente più elevati rispetto a Francia e Germania, principali competitori del Belpaese.

Non solo: spazio anche per una riflessione sulla guerra in Ucraina e sulle sanzioni boomerang inflitte dall’Europa alla Russia, che stanno avendo pesanti effetti specie sull’Italia, oltre ad una considerazione sul femminismo a corrente alternata di tante attiviste, stranamente assenti e silenti nei confronti di quei governi che colpiscono l’affermazione femminile nella società.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Focus”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/qoaT6pvtw-I?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata

00:00 introduzione