50 anni di Arge Alp celebrati nella sede di fondazione dell’Alleanza alpina a Mösern

I capi di governo dei paesi aderenti si sono incontrati in Tirolo. 

0
17414
arge alp
da sinistra Gabriele Barucco (Lombardia), Norman Gobbi, Christian Rathgeb, Alois Partl, Emilia Müller (Baviera), Marc Mächler (St. Gallo), Günther Platter (Tirolo), Arno Kompatscher (Alto Adige), Anton Mattle, Wilfried Haslauer (Salisburgo), Markus Wallner (Vorarlberg), Maurizio Fugatti (Trentino).

Il L anniversario dell’Arge Alp, la comunità alpina che comprende i land austriaci di Tirolo, Salisburgo,Vorarlberg, Baviera, Lombardia, Trentino, Alto Adige e i cantoni svizzeri di Ticino, Grigioni e San Gallo è stato celebrato con una cerimonia: l’attuale presidente dell’Arge Alp, Günther Platter, ha invitato i suoi omologhi dei Paesi dell’alleanza a Mösern/Telfs in Tirolo dove si trova la Campana della Pace Alpina, eretta 25 anni fa per commemorare la fondazione dell’Arge Alp nel 1972.

La cerimonia è stata aperta dal governatore Platter con un ricevimento davanti all’Hotel Inntalerhof. Insieme al consigliere Marc Mächler di San Gallo – che è succeduto a Platter come presidente dell’Arge Alp – e al sottosegretario Gabriele Barucco della Lombardia, che ha ricoperto la presidenza prima del Tirolo, ha sfilato davanti alle formazioni d’onore della Compagnia dei Fucilieri di Telfs, della Banda musicale di Telfs e delle delegazioni di bandiera delle associazioni tradizionali tirolesi.

Successivamente, i capi di governo e le delegazioni dei Paesi membri si sono recati insieme alla Campana della Pace dello Spazio Alpino. Con un peso di dieci tonnellate, è la più grande campana autoportante della regione alpina. Suonando la Campana della Pace – regolarmente ogni giorno alle 17.00 – hanno lanciato un messaggio comune di pace per l’intera regione alpina.

Durante l’evento serale si è poi riflettuto sugli ultimi 50 anni di storia dell’Arge Alp. L’allora presidente della Lombardia, Piero Bassetti, ha consegnato un videomessaggio. Insieme all’allora governatore tirolese Eduard Wallnöfer, che aveva dato l’impulso per la fondazione dell’Arge Alp, al governatore altoatesino Silvius Magnago e al presidente della Baviera Alfons Goppel, è considerato il padre fondatore dell’Arge Alp. Testimoni oculari degli eventi furono l’ex governatore tirolese Alois Partl, che in qualità di consigliere fu responsabile dei comuni dal 1970 in poi e direttamente coinvolto nella fondazione dell’Arge Alp, e Klaus Unterholzner, che come membro dello staff di Wallnöfer registrò le decisioni della prima conferenza dei capi di governo a Mösern su una macchina da scrivere dell’Inntalerhof.

«Fino agli anni ’70, tutta la politica estera era monopolio degli Stati. Le Regioni non avevano la possibilità di cooperare oltre confine. La fondazione dell’Arge Alp fu quindi giustamente percepita all’epoca come una “rivoluzione delle province”. La cooperazione nell’Arge Alp è sempre rimasta il più possibile informale. Ciononostante, siamo riusciti a realizzare molti progetti importanti e a fare di Arge Alpun’istituzione affermata e rispettata anche al di fuori della regione alpina. Ancora di più: è stato un modello e un nucleo per altre cooperazioni transfrontaliere in tutta Europa» ha affermato Platter nel suo discorso.

Quando Arge Alp è stata fondata, i temi dei trasporti, dell’agricoltura di montagna e dell’energia erano prioritari. Nel frattempo, anche la protezione del clima è diventata una delle questioni più urgenti del nostro tempo.

«Su iniziativa di Arge Alp è stato possibile, tra l’altro, ancorare l’energia idroelettrica come energia pulita e rinnovabile a livello europeo. Siamo anche riusciti a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle sfide particolari dell’agricoltura di montagna su piccola scala – prosegue Platter -. Nel campo dei trasporti, negli anni ’70 abbiamo già parlato di attraversamento delle Alpi, che all’epoca era una visione. Con il Gottardo, dal 2016, e poi anche con la galleria di base del Brennero, ci sono due collegamenti ferroviari ad alte prestazioni attraverso le Alpi, nel senso di una mobilità moderna, sostenibile e orientata al futuro».

Ora, come Arge Alp, si tratta di trovare risposte alle grandi sfide attuali e, in particolare, alla mobilità del futuro nei Paesi alpini, hanno concordato i capi di governo. «Abbiamo bisogno di un approccio coraggioso e sostenibile che non si fermi ai confini nazionali e metta in primo piano la qualità della vita della popolazione. Soprattutto in tempi difficili, la cooperazione e la solidarietà sono la via per un futuro buono e comune», è convinto Platter.

I lavori sono proseguiti alla Hofburg di Innsbruck con la Conferenza dei capi di governo e il passaggiodella presidenza dal Tirolo al Canton San Gallo.

Nell’ambito della Conferenza dei capi di governo, non solo è stata concordata una gestionetransfrontaliera del lupo, ma è stata anche firmata una risoluzione sulla protezione del clima e sono stati premiati i vincitori del Premio Arge Alp.

Quanto alla presidenza svizzera di Arge Alp, Marc Mächler si è detto «lieto di poterci legare alle iniziative del Tirolo assumendo la presidenza. L’anno di presidenza di San Gallo sarà incentrato sul tema dell’energia sostenibile. In questo contesto, sarà promosso lo scambio di competenze sul tema “Idrogeno nella regione alpina”» che si svolgerà il 4 maggio 2023.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata