Le inchieste di ViViItalia Tv: il bypass ferroviario di Trento a rischio

Il potenziamento della linea ferroviaria del Brennero prevede la variante in galleria dell’abitato di Trento, con un’opera lunga oltre 12 km che sbuca nel centro di un quartiere della città. 

0
346
inchieste di viviitalia tv

Il nuovo format “Inchieste” di ViViItalia Tv si apre con la prima puntata relativa al bypass ferroviario di Trento. Gli amministratori della città di Trento sono impegnati in una corsa contro il tempo per approvare e aprire i cantieri della variante ferroviaria della linea del Brennero, opera finanziata con i fondi del Pnrr per 1,2 miliardi di euro da completare entro il 2026, che prevede il raddoppio dell’attuale linea costruita ancora durante la dominazione dell’impero austroungarico, che dovrebbe portare al raddoppio del traffico treni merci con altri 240 convogli a 750 metri di lunghezza non appena sarà completata la galleria di valico del Brennero, che sarà la galleria ferroviaria più lunga al mondo con i suoi 56 km di tracciato attualmente in fase di scavo. Opera che sarà completata con anni di ritardo, rispetto al previsto 2026, visto che ora è slittata al 2032.

Ti piace “Inchieste”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

Il problema, anzi i problemi della variante ferroviaria di Trento non è la galleria lunga oltre 12 km, ma il suo impatto sulla città, in quanto essa attraversa in sotterranea zone ricche di venute d’acquache alimentano acquedotti potabili e agricoli, qualche paleofrana e, soprattutto, per lo sbocco nord nel bel mezzo di un quartiere del centro di Trento, con conseguente abbattimento di numerosi edifici residenziali e commerciali e il passaggio in trincea attraverso i terreni pesantemente inquinati da piombo tetraetile – una sostanza venefica solo per inalazione – della ex Sloi, la fabbrica che produceva l’additivo antidetonante per la benzina super, chiusa d’imperio a seguito di un pauroso incendio il 18 luglio 1978, che fece sfiorare una immensa tragedia per la città.

Nella prima puntata delle inchieste di “ViViItalia Tv”, condotta dall’esperto in comunicazione e analisi politica, Gianfranco Merlin, e dal direttore della Web Tv e de “il NordEst Quotidiano”, Stefano Elena, si affronta il problema della conoscenza delle conseguenze dell’opera da parte dei cittadini, oltre al parere del presidente della circoscrizione Trento centro storico e Piedicastello, ing. Claudio Geat (Pd), che evidenzia puntualmente le conseguenze dell’opera, specie nel suo sbocco nord, sul tessuto della città.

Buona visione.

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Ti piace “Inchieste”? Iscriviti qui sul canale YouTube di “ViViItalia Tv”

Ti piace “ViViItalia Tv”? Sostienici!

YouTube

https://youtu.be/xFhojZB6gYA?sub_confirmation=1

Telegram

https://t.me/ilnordest

https://t.me/ViviItaliaTv

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

https://www.facebook.com/viviitaliatvwebtv

© Riproduzione Riservata