Effetti del Superbonus sul debito: Fitch lo prevede sopra il 142% nel 2027

Bankitalia propone stop anticipato per frenare ulteriori danni al bilancio pubblico.

0
257
Superbonus 110% effetti superbonus 110%

Gli effetti del Superbonus sul debito italiano sono esplosivi: è destinato a volare sopra il 142% del Pil nel 2027. Ad accendere un nuovo allarme sugli effetti del Superbonus è l’agenzia di rating Fitch che tratteggia nelle proprie previsioni una «traiettoria un po’ più ripida» rispetto a quanto previsto dal governo nel Def.

Il tiraggio della norma voluta dal governo Conte 2 è «significativamente più forte delle attese» del Superbonus nel 2023, con una corsa a chiudere i contratti nell’ultima parte dell’anno, farà volare il rapporto debito/Pil al 142,3% nel 2027 «su ipotesi macroeconomiche e di bilancio meno favorevoli», prevede Fitch: un livello ben superiore al 139,6% previsto dal governo.

Ma l’agenzia di rating, che si prepara a svelare il 3 maggio prossimo il proprio giudizio sull’Italia, tratteggia una risalita più ripida del debito su tutto l’orizzonte di previsione: 138,4% quest’anno, 139,5% nel 2025, 141,6% nel 2026 (contro le previsioni del Def di un 137,8% nel 2024, 138,9% nel 2025 e 139,8% nel 2026). Numeri che rischiano di intricare il rebus manovra, che parte dalla ricerca di 20 miliardi solo per rinnovare il taglio del cuneo e l’Irpef a tre aliquote. E che potrebbe crescere ulteriormente per rispettare i nuovi vincoli europei per la riduzione del debito e il pagamento degli interessi. Proprio «lo spazio di manovra ridotto – avverte Fitchpotrebbe complicare le misure di politica fiscale ed economica e inasprire le tensioni all’interno della maggioranza». Con buona pace di coloro che armeggiano a scopi preelettorali attorno all’ennesimo bonus da 100 euro legato alle tredicesime per i bassi redditi che già ora non pagano tasse e che finiscono con l’allargare la disparità fiscale con i disgraziati che guadagnano oltre 35.000 euro lordi all’anno, su cui pesa il 63% dell’intero gettito tributario nazionale.

Gli sforzi del governo per contenere l’emorragia del Superbonus intanto proseguono. L’ultima stretta l’ha impressa il decreto approvato a sorpresa in consiglio dei ministri il 26 marzo: il testo è all’esame della commissione Finanze del Senato, dove i partiti hanno presentato 355 emendamenti. Si va dalla richiesta di coinvolgere i comuni nei controlli ai cantieri del 110%, alle deroghe per il Terzo settore e alcune zone colpite da sisma o alluvioni, oltre alla proposta di estendere da 4 a 10 anni i tempi di utilizzo dei crediti del Superbonus, su cui si è già detto favorevole il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, in quanto permetterebbe di alleggerire l’impatto sul debito e avrebbe molte possibilità di essere approvata, replicando quanto fatto già lo scorso anno per le spese del 2022.

A mettere in guardia sugli effetti del Superbonus è la Banca d’Italia, che evidenzia come l’incentivo sia costato finora quasi l’8% del Pil: un conto destinato a lievitare con i crediti del 2024-25, «il cui importo – puntualizza via Nazionale – è di difficile valutazione, data anche l’incertezza delle recenti modifiche normative». Il nuovo decreto è «un passo necessario», ma vanno evitati «allentamenti rispetto al testo originale», osserva Bankitalia, che prefigura uno scenario finora mai ipotizzato: «se neppure le nuove restrizioni dovessero frenare l’accumularsi dei crediti, l’unica via sarebbe l’eliminazione del Superbonus prima della sua naturale scadenza alla fine del prossimo anno».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano” e “Dario d’Italia”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

X

https://twitter.com/nestquotidiano

© Riproduzione Riservata