Riqualificare i terreni abbandonati per riqualificarli nell’ottica della valorizzazione del territorio e del paesaggio del Friuli Venezia Giulia

0
186

Franco BaritussioRiqualificare e rilanciare i terreni incolti e abbandonati esistenti sul territorio del Friuli Venezia Giulia per riqualificarli e rilanciarli nell’ottica produttiva e di valorizzazione del territorio e del paesaggio della Regione: questo l’appello lanciato dal vicepresidente del gruppo PdL nel Consiglio regionale, Franco Baritussio, rivolto a sbloccare i 300.000 euro già stanziati in bilancio per fare partire le iniziative proposte dai comuni interessati. L’esponente azzurro esprime “soddisfazione per l’approvazione unanime del regolamento sul recupero dei terreni abbandonati” e chiarisce le ragioni della norma transitoria che hanno sollevato le perplessità del centrosinistra in merito alle fasi di applicazione dei contributi per risanare i terreni incolti e abbandonati in montagna: “è fondamentale liberare le risorse già previste a bilancio (300mila euro) entro l’anno; risorse che altrimenti potrebbero, almeno in parte, andar perse, così come si perderebbe un altro anno per l’avvio delle procedure da parte dei Comuni. Le stesse amministrazioni comunali, consapevoli che questo primo passo va considerato come utile fase sperimentale, se sapranno rivolgere istanze misurate e intelligenti contribuiranno al buon funzionamento e alla crescita futura di questa legge che mira alla tutela del paesaggio e della salute dell’uomo, attiva il recupero dei terreni abbandonati a fini manutentivi-produttivi e stimola così anche forme di occupazione”.

L’accesso ai fondi stanziati avverrà con “il criterio cronologico di attribuzione delle risorse in base alla presentazione delle domande – chiarisce ulteriormente Baritussio – criterio che sarà seguito in questa prima fase di applicazione proprio per permettere di liberare in tempi brevi le risorse previste a bilancio. Ora che c’è stato il parere unanime della Commissione, la veloce approvazione da parte della Giunta ufficializzerà l’apertura dei termini per la presentazione delle istanze”.