Quote latte, serve l’intervento urgente del governo

Zanin: «urgente sospendere le multe per non vedere chiudere le stalle e messa a rischio la produzione di latte in Friuli Venezia Giulia». 

0
782
quote latte

Processi, pignoramenti, ipoteche: gli allevatori di vacche da latte in Friuli Venezia Giulia sono in ginocchio a causa dei procedimenti avviati nei loro confronti per lo sforamento delle quote latte. Un problema che si trascinada oltre 25 anni e che ora, con l’invio di cartelle esattoriali e la richiesta di pagamento di multe pregresse, rischia di stroncare un settore già fortemente colpito dai rincari dei foraggi, introvabili e arrivati a prezzi record, oltre ai costi di produzione del latte.

Della questione si fa carico il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, che fa notare come queste aziende si sono scontrate negli ultimi anni con il peso della globalizzazione, con la mancanza di ricambio generazionale, con la siccità, con la mancanza di foraggio e ora con l’aumento dei carburanti.

«Solo vent’anni fa le aziende zootecniche da latte in Friuli erano più di 10.000, nel 2016 si erano ridotte ad un migliaio e negli ultimi 5 anni c’è stata la chiusura di circa 100 stalle all’anno – elenca Zanin -. Attualmente in Friuli Venezia Giulia abbiamo complessivamente poco più di 500 aziende zootecniche in attività, di cui il 40% con una produzione lorda variabile annua derivata dal latte inferiore, in valore, ai 30.000 euro».

Per Zanin si tratta di «una fotografia chiara, ma quanto mai preoccupante, su cui ha influito pesantemente la vicenda dell’iniquo sistema delle quote latte – ancora irrisolta – e che ha contribuito alla chiusura delle stalle con molti allevatori che hanno deciso di resistere per principio e con altri che si sono arresi. Da ottobre 2021 più di 150 aziende zootecniche friulane si sono viste notificare una serie di atti esecutivi, quali pignoramenti di crediti presso terzi di ogni natura, di tutti i conti correnti, iscrizioni di ipoteche sui beni mobili ed immobili delle aziendee dei loro titolari, assieme al sequestro del quinto degli stipendi».

Secondo Cospalat, la situazione è precipitata ulteriormente nelle ultime settimane: oltre all’invio a tappeto di cartelle ed intimazioni da parte dell’Agenzie delle entrate si è avviata immediatamente l’esecuzione e il pignoramento dei conti correnti, lasciando gli allevatori senza un euro di liquidità e con l’effetto immediato di far collassare il sistema.

Per arginare per quanto possibile il tracollo delle imprese e degli allevatori coinvolti, sono state depositate al Tarle richieste di sospensione dei pagamenti, considerando che l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura non ha rispettato i dettati imposti dalla Corte di giustizia europea, con le sentenze che impongono allo Stato italiano di rideterminare gli importi delle sanzioni stabilite ai produttori.

«In conclusione, il rischio, numeri alla mano, è ritrovarci fra qualche anno senza stalle e quindi senza latte con tutto ciò che questo comporterebbe – chiosa Zanin -. Un patrimonio assolutamente da tutelare, una vicenda che va conclusa nel minor tempo possibile per permettere alle poche aziende zootecniche rimaste di concentrarsi sulla ripartenza, sul coinvolgimento delle nuove generazioni, con un piano di rilancio che permetta nel giro di qualche anno di guardare con ottimismo al futuro».

Per rimanere sempre aggiornati con le ultime notizie de “Il NordEst Quotidiano”, iscrivetevi al canale Telegram per non perdere i lanci e consultate i canali social della Testata. 

Telegram

https://t.me/ilnordest

Twitter

https://twitter.com/nestquotidiano

Linkedin

https://www.linkedin.com/company/ilnordestquotidiano/

Facebook

https://www.facebook.com/ilnordestquotidian/

© Riproduzione Riservata